giovedì 16 agosto 2018

Anteprima: "Sotto attacco" di AE Wasp

Pubblicato da AlessiaM a 16:20:00 0 commenti
Ben trovati! E' in arrivo il 20 Agosto edito Quixote Edizioni, "Sotto attacco" di AE Wasp. Nel post tutte le info!


TITOLO: Sotto attacco
TITOLO ORIGINALE: Incoming
AMBIENTAZIONE: Colorado
AUTORE: AE Wasp
TRADUZIONE: Mary Durante
COVER ARTIST: Jay Aheer
GENERE: Qlgbt Military
SERIE: A Veterans Affairs
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 236
PREZZO: 3,99 € (e-book) su Amazon, Kobo, iTunes, Google Play, Store QE (in preorder)
DATA DI USCITA: 20 agosto 2018

TRAMA: Cosa succede quando ciò di cui hai bisogno può costarti tutto ciò che hai sempre desiderato?
Ciò che Dmitri Wellington vuole è una via d'uscita – una via d'uscita dai debiti, dalla sua casa malmessa e da Red Deer, in Colorado. La salvezza lo raggiunge nella forma di un'opportunità di lavoro in California.
Ciò che il veterano Troy Johnson, appena congedato dall'esercito, desidera è semplicemente avere un po' di pace – posare le armi, mettere radici da qualche parte e togliersi dalla testa i ricordi che lo tormentano. Red Deer sembra il posto perfetto per fare tutto ciò.
Quando i loro cammini si incrociano, durante il caldo weekend del Quattro Luglio, volano scintille e i due uomini scoprono che ciò di cui hanno bisogno è l'uno dell'altro.
Ma i ricordi da cui Troy sta fuggendo gli stanno con il fiato sul collo e, che lui lo voglia o meno, Dmitri è deciso a salvarlo dai demoni contro cui non aveva nemmeno realizzato di star combattendo.

mercoledì 15 agosto 2018

Recensione: "La ragazza nel bosco" di Carmen Weiz

Pubblicato da Morena a 17:30:00 0 commenti
Ben trovati Readers! Oggi Morena ci parla di "La ragazza nel bosco" di Carmen Weiz, primo volume autoconclusivo della serie Swiss Stories.

Titolo: La ragazza nel bosco
Autrice: Carmen Weiz
Genere: Thriller
Pagina Facebook: QUI
 

TRAMA: Direttamente dai boschi di pini svizzeri...
È un triste scherzo del destino quello che catapulta Anna, giovane ragazza brasiliana, in una realtà più grande di lei. Spinta dal desiderio di fare del bene, si ritrova schiava della tratta di esseri umani, in mano ad aguzzini senza pietà, pronti a venderla al miglior offerente.
Solo la sua astuzia le permetterà di fuggire, aiutata dall’ufficiale svizzero Thomas Graff, uomo dal cuore di ghiaccio e da un passato che non riesce a lasciarsi alle spalle. Uno scontro tra due diverse culture che farà volare molte scintille!
Questa è la storia di Anna, ingiustamente vittima come tante altre donne. Tra intrighi, tradimenti, crimini e giochi del destino una giovane donna lotterà per la sua libertà e per l'amore.

RECENSIONE: Ed eccomi tornata sul blog con una nuova recensione. 

La storia che ci viene presentata all'apertura del romanzo, inizia con il nostro bel poliziotto Thomas che si allena nei boschi con il suo fedele  cagnolino ma ecco che arrivano i guai. Proprio Betsy fiuta il pericolo che incombe imminente ed infatti Thomas si accorge che una ragazza è in pericolo,  trattenuta dai dei loschi uomini che non appena  sentono di essere in  trappola la gettano la giù da un dirupo e scappano lasciandola  lì. Da quel momento in poi, e più i due si avvicinano, Thomas farà  di tutto per salvarla e per catturare  gli uomini che le hanno fatto ciò. Anna è una giovane ragazza brasiliana con un grande cuore e pronta a farsi sempre in quattro per gli altri, e proprio questo suo desiderio altruistico le ha fatto decidere di lasciare il Brasile e recarsi in un centro di accoglienza per aiutare i più bisognosi. Peccato però che lasciato il riparo e le sicurezze dei luoghi a lei conosciuti, il mondo la fuori si rivela essere molto diverso da come aveva immaginato e la ragazza sarà vittima e protagonista di un tragico evento. Il destino però metterà la sua strada su quella di Thomas che le salverà la vita e il cui incontro sarà un tassello importante della storia, e nonostante le numerose differenze tra i due e i loro caretteri antitetici, si ritroveranno uniti sempre di più. 

Leggendo la trama il romanzo mi era sembrato interessante e, per quello che ho avuto modo di leggere e percepire,  già dai primi capitoli, il ritmo serrato ed il linguaggio fluido e accattivante, hanno reso la lettura coinvolgente, capace di trasmettere le sensazioni di angoscia, paura, ansia, stupore e sofferenza che gli stessi protagonisti vivevano. 'La ragazza nel bosco' è un romanzo che si discosta molto dai tipici libri di lettura disimpegnata o umoristica: è un romanzo in parte psicologico, introspettivo e sicuramente impegnativo, che  ma che anche per questo merita attenzione e la possibilità di esser letto, perché vi ritroverete coinvolti in una storia originale e reale, quasi palpabile tra le mani. E ora vi saluto e vi do appuntamento alla prossima recensione! - Mory 


 VALUTAZIONE

lunedì 13 agosto 2018

Recensione: "Quickie" di Margherita Fray

Pubblicato da AlessiaM a 09:00:00 0 commenti
Ben trovati Readers! Dopo aver recensito Teach Me, oggi vi parlo anche di "Quickie", novella del romanzo di Margherita Fray ed edito Delrai Edizioni. 


Titolo: Quickie
Autore: Margherita Fray Serie: Teach me #1.5
Editore: Delrai Edizioni
Prezzo: Gratis

Trama: Come è fatto un miracolo?
Un miracolo è a forma di Morgan Williams.
 
Cameron Wilde è un professore di Letteratura Inglese fuori dalle righe ed è durante la notte di Capodanno che si scontra con la cruda realtà della sua vita: Morgan Williams lo farà diventare un dannato “feticista delle scarpe”. Lui, che non voleva proprio cedere – anzi sì, a chi vogliamo darla a bere – alla tentazione di passare una nottata folle con Tamara, la padrona di quella villa, e adesso si ritrova a scappare. E poi lo scontro… Oh, Miss Williams, cosa ci fa lei qui e come fa a saper annodare così bene le cravatte?

Una divertente novella che ci mostra uno spaccato della mente del professore di Letteratura Inglese più sexy di tutti i tempi, dalla penna romantica e divertente di Margherita Fray.
 
Recensione: Questa novella ci ha dato la possibilità di leggere i pensieri e le sensazioni del nostro sexy professore, cosa che non avevamo potuto fare in Teach Me, romanzo narrato dal solo POV di Morgan.

Quella che ci viene raccontata in questa novella è la famosa notte di Capodanno che abbiamo potuto leggere nel primo volume e che precede il cuore pulsante della loro storia: Cameron era ormai ossessionato e rapito dalla bellezza e dall’intelligenza di Morgan ma al tempo stesso ben consapevole che una storia tra loro fosse difficile se non impossibile: lei era troppo piccola, troppo pure, insomma troppo per lui e certamente troppo complicata.  Così, convinto che per dimenticarla il buon vecchio detto ‘chiodo scaccia chiodo’ sarebbe andato bene, era pronto a lasciarsi andare ad una notte di passione tra le braccia di Tamara, la proprietaria della villa in cui si teneva la festa. Passare quei momenti con lei sarebbe stato semplice, rapido, indolore e privo di complicazioni, proprio come piace a lui, ma al momento di concludere un po’ per destino, un po’ perché non riesce a scacciarsela dalla mente, alla fine si ritrova a sfuggire dalle grinfie della donna e nuovamente coinvolto, in una situazione strana ed imbarazzante, proprio con Morgan. Ormai è evidente, quella ragazza non andrà più via dalla sua testa. Dunque cosa fare?

Se avete letto Teach Me, già sapete come è andata tra loro, ma in questo breve frangente tutto ci viene raccontato con la leggerezza e l’ironia di questo personaggio maschile che ha fatto innamorare tutte le lettrici.  Su questa novella posso dirvi che è una lettura che si legge in pochissimo tempo, è molto breve ma al tempo stesso coinvolgente e divertente come solo il buon vecchio Cam e la scrittura della Fray sanno essere. Ancora una volta lo stile è fresco e il linguaggio semplice e diretto e la lettura scorre fluida e senza intoppi, dritta alla meta finale. Ritroviamo l’irriverenza di Cam, la timidezza e l’imbarazzo che spesso lo bloccano, l’attrazione e la chimica che lo avvicinano a Morgan sempre di più, la sua incertezza per i sentimenti che prova per lei e che sembrano tanto sbagliati ma che lo fanno sentire bene. Insomma troviamo tutto ciò che ci ha colpite di questo personaggio quindi, se avete amato Teach Me non potete perdervi questa novella! - Ale    
    


VALUTAZIONE

Recensione: "Teach me" di Margherita Fray

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00 0 commenti
Ben trovati Readers! Oggi vi parlo di "Teach Me", romanzo di Margherita Fray edito Delrai Edizioni. Dopo averlo fatto sedimentare sul Kindle (anche troppo direi) in attesa di un momento di pausa da tutto per leggerlo, finalmente ci sono riuscita e nel post vi lascio la mia opinione!

Titolo: Teach me
Autrice: Margherita Fray
Prezzo e-book: 2.99 euro
Prezzo cartaceo: 12.00 euro

Trama: Morgan Williams non crede ai suoi occhi quando vede entrare in aula un nuovo professore di Letteratura Inglese al posto della sua adorata Mrs. Tutcher. Chi è? E perché ha osato sostituire la sua professoressa adorata? Non importa quanto lui sia sexy, bellissimo, assolutamente attraente e persino intelligente, lei non proverà mai simpatia per uno del genere, che potrebbe di certo fare il modello, ma non l’insegnante. Cameron Wilde ha gli occhi più azzurri che Morgan abbia mai visto, recita Shakespeare a memoria, lui sa scherzare con gli alunni, sa essere insolente con classe, e si rivela più capace di quanto lei si aspettasse, perché Cameron Wilde è speciale e si avvicina pericolosamente al suo uomo ideale, ma è un professore, il “suo” professore, e una ragazza all’ultimo anno di superiori non può innamorarsi di un docente. Questo non è possibile.

Un amore nato tra i banchi di scuola in situazioni imbarazzanti e divertenti, dove sono le emozioni che travolgono e non lasciano scampo, anche se proibite. Non si può imbrigliare un sentimento, per quanto questo faccia male e sembri impossibile.


Recensione: Inizio questa recensione ammettendo di essermi follemente innamorata di Cameron, come d’altronde credo tutte voi….come potrebbe essere altrimenti? Lui con il suo sguardo sexy e il suo corpo tremendamente attraente, con il suo essere sempre un passo avanti, il suo avere la battuta sempre pronta e con la sua dolcezza, mi ha fatta sciogliere come un ghiacciolo al sole. Leggere ‘Teach me’ mi ha fatta tornare indietro ai tempi in cui anche io ero tra quei banchi di scuola piena di entusiasmo e curiosità, con la voglia di imparare e conoscere sempre cose nuove, e, ok che non parliamo di tanto tempo fa in pratica, ma mi ha fatto rimpiangere quegli anni e soprattutto il non avere avuto la possibilità di avere un professore sexy e al tempo stesso bravo quanto Cameron, o una Mrs. Tutcher innamorata della sua materia di insegnamento quanto della vita. Ma ora, passiamo alla storia.
Morgan Williams ha diciotto anni, è una ragazza bella e intelligente, studentessa brillante e amante della Letteratura inglese grazie soprattutto alla passione che la sua professoressa, Mrs. Tutcher, le ha trasmesso. Un giorno però, al posto della sua adorata prof, arriva un ragazzo che sembra poco più grande di lei, bellissimo e con due occhi azzurri impossibili da dimenticare. Lui è Cameron Wilde, giovane professore pronto a continuare le lezioni al posto della precedente professoressa e ad insegnare con decisione a quella classe indisciplinata. Morgan all’inizio tenterà in ogni modo di screditarlo, convinta che lui non sia all’altezza del suo ruolo e soprattutto costantemente indispettita dai suoi comportamenti, da quel modo che ha di guardarla e scrutarla come se capisse ciò che lei nasconde nel cuore, da quel sorriso malizioso e arrogante che le rivolge e soprattutto, quando verrà a patti con i suoi sentimenti, sarà contrariata con sé stessa perché quando lui le parla o le sorride il suo cuore batte all’impazzata e il suo respiro accelera.


“«Dove c’è tanto odio, c’è tanto amore» sparo, non troppo convinta che possa essere definita un’argomentazione e figurarsi una risposta. Mi fissa ed è evidente che non sia convinto della mia risposta. 
«Quindi la sua ostilità è dovuta a un celato amore nei miei confronti?» mi schernisce. Non riesco a credere che l’abbia detto. Arrossisco ferocemente e assottiglio lo sguardo fulminandolo: ora lo uccido. Gli spingerò questo cavolo di Otello talmente a fondo nella gola da soffocarlo, sbruffone, strafottente, omuncolo con una laurea, se ce l’ha, sicuramente comprata.”


Morgan non si aspetta però che quel ragazzo è molto più di quel che sembra: ama come lei la letteratura inglese, è gentile, è un bravo ragazzo con la testa sulle spalle e una famiglia che adora. Ovviamente la sua avvenenza lo porta ad essere ammirato e desiderato da uno stuolo di ragazze, giovani o grandi che esse siano, pronte a corteggiarlo e conquistarlo, anche per avere solo una notte di sesso. Lui è più grande, più esperto, ha avuto diverse storie alle spalle, è più maturo e adulto, insomma per lei è troppo di tutto. Ma Cameron sembra trattarla diversamente: con lei scherza, parla con tranquillità di tutto, la stuzzica e la provoca in continuazione;  i due non possono fare a meno di guardarsi, provocarsi e rispondersi per le rime dando spesso vita a battibecchi divertenti e ironici. Morgan è però incerta su come gestire le cose con lui e soprattutto spesso insicura su se stessa: non si sente all’altezza, si vede troppo piccola, troppo ingenua, troppo semplice rispetto alle belle ragazze che potrebbero piacere ad uno come Cameron, eppure il ragazzo, sembra avere degli occhi di riguardo solo per lei; sembra che anche a lui lei piaccia sul serio e forse per loro c’è una possibilità. Sarà davvero così?
Pagina dopo pagina avremo modo di conoscere qualcosa in più su questo strambo professore, sulle sue manie e ossessioni, sulle sue fragilità e  debolezze, sul suo carattere sensibile, a tratti timido e  stravagante. E alla fine del romanzo, ci ritroveremo tutte, ve lo assicuro, con gli occhi sognanti e innamorati.


«Tu non sei da scopare, Morgan, tu sei da vivere.»


Più loro due pensano che quello che c’è tra loro sia sbagliato e inopportuno però, più non possono fare a meno di stare lontani, di toccarsi, sfiorarsi, abbracciarsi. L’attrazione tra i due cresce sempre di più e credetemi, alcune pagine ne sono talmente cariche e permeate che sono arrivate anche a me le sensazioni provate da Morgan e Cameron, tanto da farmi venire spesso la pelle d’oca e il respiro accelerato. Le cose però non saranno molto semplici per loro due e l’autrice ci racconta pagina dopo pagina, le vicende di questa coppia inaspettata ed imprevedibile ma terribilmente perfetta, che dovrà fare i conti con la differenza d’età e di idee, con quella che è la quotidianità della vita, con tante difficoltà e scelte importanti da intraprendere, decisioni che cambieranno il loro futuro, sia che questo li veda insieme che lontani.  
Ci penseranno diversi personaggi all’interno di questa storia a dare un po’ di pepe alle vicende: Andrew, l’ex ragazzo di Morgan deciso a riconquistarla ma che con lei si è comportato male; Seline migliore amica di lei e Carole, sua amica e un po’ nemica; Michelle, un’amica forse un po’ troppo intima ed invadente di Cameron; uno stuolo di corteggiatrici ed una ex ragazza di lui che arriva ad incasinare ancora di più le cose.
La lettura del romanzo, narrato dal POV di Morgan, scorre leggera e fluida anche grazie ad uno stile semplice e diretto, che rende la lettura piacevole, coinvolgente e mai pesante. In questa storia c’è la giusta dose di tutto: ironia, passione, dramma, romanticismo e dolcezza, il tutto ben assortito a creare una perfetta ricetta. Il romanzo mi ha fatto rivivere, insieme ai protagonisti, tante emozioni: ho riso quando si scambiavano battute divertenti e frecciatine, ho pianto quando tutto sembrava perduto e vicino alla catastrofe, sono stata gelosa nell’apprendere le esperienze passate di Cameron con le altre ragazze e il suo essere stato tanto spavaldo, ma mi sono anche sciolta per la dolcezza e l’apprensione che mostrava nei confronti di Morgan...insomma, mi sono sentita in tutto e per tutto lei, pronta a rivendicare il proprio posto accanto a quel ragazzo unico e speciale, come lo è anche lei.Ora vi saluto e vi lascio l'ultimo invito: leggetelo! - Ale

 VALUTAZIONE
 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos