giovedì 17 settembre 2015

Recensione: Maze Runner il Labirinto di James Dashner

Pubblicato da Morena a 20:35:00 0 commenti
Eccomi qui con una nuova recensione, anche questa volta di una trilogia, sto parlando di Maze Runner (il Labirinto) di James Dashner.






Titolo: The maze runner - Il Labirinto (The maze runner #1)
Data di pubblicazione: 28 agosto 2014


Prezzo: 14, 90 €
Pagine: 432




TRAMA: Quando Thomas si sveglia, le porte dell’ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L’unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte.



RECENSIONE: Ho iniziato a leggere  questo libro subito dopo aver visto il film, Maze Runner-il Labirinto uscito  il 18/09/2014  con protagonista Dylan O'Brien.



All'inizio del romanzo, Thomas, il protagonista, si sveglia dentro una specie di ascensore - senza ricordi all'infuori del suo nome - e si trova in una Radura, in mezzo a un sacco di altri ragazzi, tutti maschi. Thomas viene accolto come di consuetudine, perché lì tutti, come si scopre, sono arrivati allo stesso modo. 


"O usciamo adesso o muoriamo provandoci!"



Nella Radura ognuno svolge un lavoro ben preciso. C'è chi si occupa di preparare il cibo, chi degli orti, chi di soccorrere i malati. Si tratta di una vera e propria piccola comunità. Purtroppo però quel luogo non è il paradiso che sembra. Al suo esatto centro c'è un Labirinto grandissimo che sembra non avere soluzione o via d'uscita.

Ogni notte i muri del Labirinto si spostano e gli accessi si chiudono per fare in modo che i mostri che lo abitano, i Dolenti, non escano fuori nella Radura.





Certe volte non si notano le cose, perche' non si crede che possano succedere. 




Thomas rimane subito affascinato dal Labirinto e per qualche strano motivo, nella Radura, al contrario degli altri, si sente subito come a casa. Chi ha messo i ragazzi nella Radura? Perché? Qual è il vero scopo del Labirinto? Quando poi dall'ascensore viene fuori per la prima volta una ragazza, con cui Thomas sente di avere un legame, tutto cambia e per i Radurai inizia una vera e propria corsa contro il tempo.Questo primo romanzo èuna sorta di introduzione che cerca di preparare il lettore a quello che i seguiti gli riservano. Sul finale infatti, ci si trova davanti a un vero e proprio cliffhanger e immancabilmente ancora una volta, le domande sono più delle risposte. 





"Bene. Credo che si possa affermare che la prova del Labirinto è stata completata. Non mi aspettavo così tanti sopravvissuti ma, più sono meglio è. Thomas continua a sorprendermi e meravigliarmi. e per adesso sembra che abbiano abboccato. È troppo presto per dirlo, ma... potrebbero essere la chiave di tutto. Quindi andiamo avanti. Possiamo dare inizio alla fase due. (Paige)"


                                                                                                                    - Mory

Recensione: Green di Kerstin Gier

Pubblicato da Morena a 20:05:00 0 commenti


Eccomi qui, con una nuova ed emozionante recensione,oggi parliamo di "Green", ultimo  libro della Trilogia delle Gemme di Kerstin Gier.










Kerstin Gier
Green
Corbaccio
432 pagine
In uscita 9 Febbraio 2012
16,60€



TRAMA: Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.


RECENSIONE: Eravamo rimasti alla scoperta della scandalosa notizia riguardante il conte di Saint Germain, secondo la quale, per suo ordine il nostro Gideon avrebbe  fatto innamorare Gwendalyn, ritenendo le donne innamorate molto più facili da manipolare. 
Il libro comincia con un pessimo stato d'animo da parte di Gwendalyn, su ciò che ha appena scoperto, cioè che Gidion l'ha ingannata, facendole  credere di amarla. Gwendayn , pero' viene prontamente soccorsa dal demone Xemerius e dalla fidata amica Leslie.



"Restiamo amici". Era veramente il colmo. "Sono sicura che da qualche parte nel mondo ogni volta che questa frase viene pronunciata  muore  una fata".



In questo ultimo libro, avremo la risposta a tutte le domande che ci siamo posti precedentemente. Al perché Lucy e Paul hanno rubato il cronografo, il perchè vogliono a qualunque costo salvare la vita di Gwendalyn?, il perchè la dodicesima pietra e' cosi importante per portare a termine il lavoro della loggia (o meglio ciò che vuole il conte di Saint Germain), il perchè Gideon si sia comportato in quel modo nei confronti di Gwendayn e soprattutto: chi e' in realta' il conte di Saint Germain?.
Avremo un mucchio di spiegazioni specialmente riguardo le profezie del Rubino.


"Il cerchio di sangue giunge a conclusione,
la pietra è dell’eterno realizzazione.
La veste della gioventù si accresce di nuova energia
che dà potere immortale a colui che porta la magia.

Ma, attenzione, quando la dodicesima stella sorgerà
il destino di quanto è terreno si compirà.
La gioventù si scioglie, la quercia è condannata
a decomporsi in quest’epoca buia e odiata.

Soltanto quando impallidisce la dodicesima stella,
l’aquila raggiungerà per sempre la sua meta più bella.
Sappi dunque, una stella si consuma per amore,
se sceglie liberamente di struggersi il cuore".



Scopriremo che cosa è in grado di fare e a cosa è destinata Gwendalyn. Tutto ciò porterà' i nostri protagonisti in situazioni davvero pericolose, dove rischieranno anche la loro vita.
Non temete si risolverà  tutto per il meglio , con molti colpi di scena e rivelazioni sconvolgenti ( sono ancora sconvolta)  e si saprà la vera identità del fedelissimo maggiordomo di casa Montrose Mr. Bernhard.
Anche questo libro come i precedenti ha una trasposizione cinematografica (Smaragdgrun) , che  uscirà il 27 luglio 2016 ( Noooooo perchè ancora tutta questa attesa). Ci saranno sempre  i nostri due attori Maria e Jennis. 


Cosi concludo questa fantastica trilogia, spero che vi piacerà,  alla prossima!!!

                                            - Mory

giovedì 3 settembre 2015

Recensione: Blue di Kerstin Gier

Pubblicato da Morena a 16:32:00 0 commenti
Eccomi qui con una nuova recensione, questa volta, del secondo capitolo di questa fantastica trilogia della scrittrice tedesca Kerstin Gier ... pronti .... via!!!!


             



Titolo: Blue
Autrice: Kerstin Gier
Casa editrice: Corbaccio
Pagine: 352
Prezzo: € 16,60



È la dodicesima viaggiatrice
Si muove nel pericolo
Combatte per amore



Trama: Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwenn, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germani, dell’affascinante ma scostante Gideon o dell’invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l’unico vero amico sembra essere Xemerius…un gargoyle col muso di gatto.




Recensione: Il secondo libro della trilogia (Bleu), inizia esattamente dove si e' concluso il precedente. Ritroviamo la nostra protagonista Gwendolyn ad affrontare altri viaggi nel tempo, soiree', per scoprire maggiori informazioni  sui segreti della Loggia  e sul conografo, aiutata anche dall' incontro con suo nonno da giovane. Con lei ci sara' l'amica di sempre ,Leslie e il suo nuovo amico demone, che può vedere solo lei, Xemerius.




"Ruggisce il leone in fa diesis maggiore, la criniera come diamante pure, multipliacatio, il sole si oscura..."



I rapporti tra Gwendalyn e Gidion si complicheranno per la mancanza di fiducia. A rafforzare tutto ciò' ci saranno gli intrighi del nostro caro conte di Saint Germain.



"Non c'è  niente di più prevedibile della reazione di una donna innamorata. Non c' e' nessuno più manipolabile di una donna guidata dai sentimenti che prova per un uomo".



Questo secondo capitolo della trilogia, devo ammetterlo, è un pò di passaggio perchè rimangono molti punti interrogativi,  non solo per quanto riguarda la Loggia , ma anche riguardo il rapporto tra Gwendalyn e Gidion.
Vi ricordo  che anche il secondo libro della trilogia  ha la sua personale trasposizione cinematografica ( Saphirblau ). A dare i volti ai nostri protagonisti sono sempre Marie Ehrich e Jannis Niewohner. Che dirvi correte a leggere il libro e vedere il film.... noi ci vediamo alla prossima!!!

                                                                                                                 - Mory


                         

Recensione : Regole d'amore per amici confusi di Ellie Cahill

Pubblicato da AlessiaM a 16:08:00 0 commenti

Eccoci tornate, e diamo il benvenuto all'arrivo di Settembre! Nuova recensione per voi!!






Titolo originale: When Joss met Matt
Editore: De Agostini
Autrice: Ellie Cahill
Prezzo: 14,90 
Pagine: 416



Trama: Il primo anno di università può essere complicato, si sa. Soprattutto quando il tuo fidanzato storico ti molla senza troppi giri di parole. È quello che succede a Joss, e la delusione le lascia davvero l’amaro in bocca. Un sapore da cui fatica a liberarsi, nonostante i corteggiatori non le manchino. Ma tutto cambia quando Joss incontra Matt: lui è bello e gentile, forse non proprio il suo tipo ideale. Eppure tra i due la complicità è immediata. Così, tra una confidenza e un bicchiere di vino, accade che Matt e Joss si ritrovino a elaborare e a verificare una teoria: per far svanire l’amaro in bocca di una delusione amorosa è necessario passare la notte in compagnia di un buon amico. Uno che non chieda niente al risveglio, uno che sia disposto a essere semplicemente un sorbetto per rinfrescare il palato tra una relazione e un’altra. Ed è così che Matt e Joss decidono di diventare amanti di notte e amici di giorno. Tutte le volte che vogliono, tutte le volte che ne hanno bisogno. Stringono addirittura un patto, un vero e proprio contratto a cui attenersi scrupolosamente per gestire il proprio rapporto. La teoria del sorbetto sembra funzionare alla perfezione per molto tempo. Fino a quando uno dei due non infrange la regola più importante di tutte: non innamorarsi.

Recensione: Mio Dio!!! Questo libro è stata una rivelazione! All'inizio mi sembrava un po lento ad ingranare, ma più andavo avanti con la lettura, più il racconto diventava avvincente e le vicende dei nostri protagonisti ci tengono col fiato sospeso ogni pagina, fino all'ultima!!

Ma andiamo per gradi. Joss incontra Matt il suo primo anno di college ad una festa, Matt cerca subito un approccio ma Joss è fidanzata così si limitano ad essere amici anche perchè a dire il vero lui non è poi tanto il suo tipo. Arriva però il giorno che Ben -il fidanzato - viene a trovare Joss e alla fine del lungo week end di sesso gli rivela che il vero scopo di quella visita era mollarla di persona in quanto aveva conosciuto un'altra... vi lascio immaginare la reazione di Joss!( tra l'altro io avrei fatto anche peggio!!).

Joss è distrutta e dopo settimane a piangersi addosso capisce che odia l'idea che l'ultimo ragazzo ad averla toccata sia stato Ben e quindi decide di rimediare subito con un ragazzo della confraternita... il piano sembra però non essere proprio un successone e così di rientro dal  fallimentare tentativo incontra Matt. Joss gli rivela cosa è successo e lui da buon amico le trova un rimedio perfetto al suo problema: il sesso sorbetto!



" Qualche minuto più tardi, Matt mi fece scivolare il quaderno davanti. La sia grafia era il risultato di una serie di scarabocchi dettati dal testosterone, ma riuscii comunque a leggere.


Regole del Sesso Sorbetto:

1. Dopo averci fatto sesso, devi passare la notte con il tuo ragazzo/la tua ragazza Sorbetto.

2. Dopo, dovete rimanere amici.
3. Il giorno seguente devi infastidire ripetutamente il tuo ragazzo/la tua ragazza Sorbetto. "



Così, stilando un vero e proprio contratto, pieno di regole da rispettare, i due decidono di diventare amici con benefici, che ogni tanto si concedono un incontro bollente sotto le coperte. Tutto va a gonfie vele per molto, moltissimo tempo. Fino a quando però il "sesso-sorbetto" non diventa qualcosa di più e gestire il tutto diventa sempre più difficile.
Il romanzo in effetti segue i due protagonisti in due linee temporali: tra il passato e il presente (sette anni dopo), mostrando come la loro formula sia stata a volte infallibile, altre disastrosa. Tra amori sbagliati, occasioni non colte e desideri che non dovrebbero nemmeno sfiorare la mente dei protagonisti, perché contro le regole, li verdremo crescere e scoprire che il destino sa sempre riservare soprese particolari! 

Alla fine, dopo tutti questi anni, entrambi per l'altro provano qualcosa in più della semplice amicizia e convinti di non essere ricambiati iniziano a farsi mille film mentali (lei) o a decidere di trasferirsi (lui), ma il loro incontro era stato voluto dal destino e fin dal primo sguardo entrambi sapevano di essere destinati a stare insieme. Il finale è spumeggiante, ti coinvolge, ti fa ridere, ti strazia il cuore, insomma è un bel mix di emozioni. Bene, non vi rimane altro da fare che conoscere questi due piccioncini!! E come sempre vi lascio con la mia citazione preferita: 



" Perché quando lo farò ci sarai tu. E sto iniziando a odiarmi per questo. Continuo a uscire  con le ragazze sbagliate perché, nonostante tutto, tu ci sarai sempre. "


A Presto! - Ale
 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos