venerdì 16 febbraio 2018

Recensione: "Cupido a Natale" di Maura Grignolo

Pubblicato da Morena a 18:06:00
Ben trovati! Oggi vi parlo di un romanzo italiano intitolato "Cupido a Natale" di Maura Grignolo!

TRAMA: Tiffany Walker, giovane ragazza di colore, adora il Natale e lavora come Christmas Planner. La sua vita è condita da una famiglia chiassosa e due migliori amici gay di cui non potrebbe proprio fare a meno. 
Mentre è a Central Park a scattare delle foto, vede un uomo seduto su una panchina. Non può saperlo, ma è un uomo che ha perso la cosa più importante della sua vita e passa le sue giornate lì seduto in balia dei ricordi. Lei, involontariamente, scatta una foto. E niente sarà più lo stesso.
Quando il suo lavoro la porta a fare la conoscenza di Evan Filmore, in un modo inaspettato, e organizzare una festa per la Vigilia aperta ai bambini più bisognosi, Tiffany ne rimane affascinata. Ma nel passato di Evan si cela una grave perdita che lo ha portato a isolarsi da tutti. 
Eppure quest'anno sembra che per entrambi il destino abbia in serbo qualcosa di speciale. Complice un viaggio in Vermont alla ricerca di un albero di Natale perduto, il sentimento traTiffany ed Evan crescerà sempre di più.
E cosa c'è di più magico di una baita in montagna e un fuoco per creare quella magia di cui entrambi hanno bisogno per tornare a credere nell'amore? 
Ma i due ragazzi non hanno fatto i conti con un ex che trama nell'ombra e con il fragile animo dell'uomo che non vuole perdere di nuovo ciò che gli fa battere il cuore. 
Una letterina a Babbo Natale, una bambina che crede ancora nei sogni e due amici indimenticabili cercheranno di far si che Tiffany ed Evan possano vivere la loro magica storia. 
Il cuore, però, fa scherzi imprevedibili soprattutto quando si parla di sentimenti e di magia natalizia. E un cuore irrequieto ha bisogno di trovarsi al centro di una tempesta improvvisa perché possa capire esattamente ciò che desidera per essere felice.
Ancora non lo sanno, ma le loro anime sono intrecciate dal magico filo del destino... e dell'amore. Perché se un sogno può realizzarsi, quel momento è la magica notte di Natale.

RECENSIONE: Eccomi qui con una nuova recensione e questa volta vi parlerò di "Cupido a Natale". Diciamo che forse sono un pò fuori periodo per leggere un romanzo come questo ma credo che lo spirito del Natale ci acconpagni sempre.

Ma toriniamo a noi. Ho trovato il libro  davvero interessante: la storia tra i due protagonisti mi ha coinvolta fin da subito con la sua dolcezza e naturalezza anche se le cose, secondo il mio parere, sono state velocizzate forse un pò troppo.
Certo, è anche vero che questo è un romanzo, un'opera di fantasia e che spesso il bello è poter immaginare cose che nella realtà andrebbero in modo diverso, ma mi è mancato quel qualcosa in più. Mi sarei aspettata da parte di Evan, un uomo che ha perso moglie e figlia di 5 anni da soli 10 mesi, un pò più di sofferenza, perchè se è vero che questa è una storia che parla di una seconda possibilità, è pur vero che prima di poter andare avanti e pensare al futuro bisogna aver metabolizzato il passato ed essere venuti a patti con il dolore, che c'è e non andrà mai via, ma che può portare ad una rinascita.

La storia tra i due avrebbe meritato più attenzione, sarebbe dovuta nascere e screscere lentamente, portando ad una presa di cosciena di entrambi, mentre invece nella storia tutto accade molto velocemente, un colpo di fulmine che  porta i due ad essere molto avventati e a precipitare le cose, dichiarandosi amore eterno fin da subito senza però a mio avviso aver avuto il tempo di conoscersi davvero.
Una cosa che ho adorato invece è la vita della protagonista: il suo lavoro e tutto il contorno, il Natale, la festa all'hotel e soprattutto i suoi due amici che non sono rimasti tanto nell'ombra e mi hanno emozionato quasi quanto i veri protagonisti della storia!

Tutto sommato devo dire che la storia è ben scritta e che si legge senza difficoltaà, tra qualche risata, romanticismo e  soliti clichè che non fanno mai male, ma che fanno sognare. L'aria del Natale si percepisce nelle pagine del romanzo e mi ha contagiata, facendomi rivivere dei momenti particolari a cui sono legata e facendomi viaggiare con la mente.
Che dirvi. Consiglio il romanzo ha chi ha bisogno di leggere qualcosa di non troppo impegnativo, una lettura leggera e divertente che può essere letta anche se non è Natale perchè vi sembrerà di esserci ritornati!
Alla prossima recensione! - Mory!


2 commenti:

Annalisa Lettrice Di Libri on 17 febbraio 2018 14:39 ha detto...

Ciao, sono Annalisa e sono appena arrivata sul tuo blog, molto carino, abbiamo gusti simili e quindi ho iniziato a seguirti!

A presto,
Ciao,
Annalisa
Lettrice di Libri

AlessiaM on 18 febbraio 2018 10:30 ha detto...

Ciao Cara!! Piacere mio! <3

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos