mercoledì 19 settembre 2018

Recensione: "Quattro. Il risveglio" di Luca Farru

Pubblicato da Morena a 16:05:00
 

Titolo: Quattro. Il risveglio
Autore: Luca Farru
Genere: Urban fantasy
Editore: Youcanprint (autopubblicato)
Pagine: 334 

TRAMA: Per cinquecento anni, il mondo sovrannaturale e quello degli esseri umani hanno vissuto in armonia.
Il regno dei guardiani ha garantito stabilità e giustizia a tutte le sue fazioni, ma l'equilibrio sembra d'un tratto interrompersi e le paure legate al passato riemergono impetuose.
Le forze oscure sono riuscite a scalfire il più potente incantesimo della storia del mondo magico, ed hanno come obiettivo ultimo, quello di risvegliare il loro padrone, Serafyn, per riprendere il suo piano diabolico da dove è stato interrotto.
Rose, Sybil, Matt e Cody sono quattro sconosciuti apparentemente ordinari, vivono le loro esistenze spensierati, in zone diverse del mondo e non hanno la minima idea di cosa sta per travolgerli.
Scopriranno di essere legati indissolubilmente l'uno all'altra, in modo inquietante, e di essere gli ingranaggi fondamentali di un terribile destino comune dove l'oscurità è protagonista.
In questa intensa avventura, non potranno fidarsi di nessuno, a volte nemmeno di loro stessi, e lotteranno insieme per evitare che il mondo intero finisca nelle mani dei demoni.
"Il Risveglio" racconta della prima parte del loro viaggio; li conosceremo, ci affezioneremo, incontreremo un sacco di altri personaggi interessanti ed arriveremo in men che non si dica all'ultima pagina, con un colpo di scena che ci lascerà senza parole.
Cosa ne sarà del loro futuro? 

RECENSIONE: Ben trovati Readers, oggi torniamo sul blog con una nuova recensione al libro "Quattro. Il risveglio" di Luca Farru, che ringrazio per l'invio della copia digitale del romanzo!

Devo dire che io ho una certa predilizione per i romanzi fantasy, paranormal e distopici: insomma mi piace leggere qualcosa che sia diverso dalla realtà comune nella quale siamo immersi tutti i giorni e che mi possa far viaggiare ancora di più con la fantasia. Il romanzo ha tutte le caratteristiche di un tipico urban fantasy: c'è la lotta tra bene e male, tra strane creature magiche, tra demoni e mostri che vogliono conquistare il mondo ed infine ci sono i nostri eroi che cercano di salvarlo, quelli che tra le proprie mani stringono un destino molto più grande di quel che pensano ed il tutto ha il pregio di essere raccontato dalla penna di un autore Italiano. Il romanzo scorre fluido e ci lascia entrare lentamente e passo dopo passo all'interno del suo mondo magico, raccontandoci il passato che ha portato agli eventi presenti e facendoci avvicinare e familiarizzare con i protagonisti con i quali diviene difficile non entrare in empatia. 

Questo, pur essendo un romanzo che non si discosta molto (nel senso di particolari tratti originali) dal genere a cui appartiene, al suo interno ha una componente essenziale, ovvero la capacità di riuscire a catturare il lettore, ad incuriosirlo, a lasciarlo spesso anche frastornato, ma che poi si ritrova catapultato all'interno della storia, che tra azione, magia e tra mistero si fa legge velocemente. I protagonisti avranno un compito difficile e che li porterà a crescere e maturare in una sfida e lotta continua, dovranno districarsi tra tante difficoltà, capire di chi fidarsi, su chi fare affidamento e in chi porre la propria fiducia. L'azione è sicuramente una grande componente di questo romanzo e che porta quel qualcosa che riesce a creare un clima ricco di patos e dramma, incalzando il lettore a tenere il passo con gli eventi, a correre insieme ai personaggi. Insomma, se pur l'aspetto caratteriale o introspettivo è poco reso, sicuramente l'autore è riuscito a creare dei personaggi ben immersi nelle vicende e nelle lotte che li vedono protagonisti, sia quelli dalla parte del bene che del male.
Romanzo consigliato quindi ad un pubblico giovane e che ama questo genere di storie. -Mory

VALUTAZIONE

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos