venerdì 8 febbraio 2019

REVIEW PARTY: "Frammenti" di Melissa Spadoni - Recensione

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00

Ben trovati Readers! Oggi partecipiamo ad un Review Party e vi parliamo dell'ultimo romanzo di un'autrice italiana. Lei è Melissa Spadoni, nostra vecchia conoscenza che è tornata edita Leggereditore con il suo nuovo romanzo "Frammenti" uscito il 22 dicembre 2018.

Titolo: Frammenti 
Autore: Melissa Spadoni 
Prezzo: €4.99 
Collana: Collana Narrativa 
Anno: 2018 
Marchio editoriale: Leggereditore 
ISBN: 9788833750163


Trama: Fanny, 29 anni, è una ragazza come tante altre. Lavora in un cinema multisala, esce ogni tanto con le amiche, le piace correre, cucinare e coccolare il suo fedele cane Magnus. Sembra felice, senza particolari problemi, ma nessuno sa che in realtà Fanny è in fuga. Sono dieci anni che si nasconde in una città che non è la sua, dieci anni che osserva allo specchio una persona che non riconosce più e che mente, anche sul proprio nome, a chiunque incontri. Quando è ormai convinta di essere finalmente al sicuro, di aver ingannato tutto e tutti, la sua vita apparentemente tranquilla inizia piano piano a sgretolarsi. Prima con il sopraggiungere di Sloan, un vicino di casa misterioso e sospetto che Fanny non riesce proprio a capire né tantomeno a evitare; poi con l’arrivo di un nuovo, piccolo e orribile frammento proveniente proprio da quel passato che si è tanto sforzata di seppellire.

Riuscirà Fanny a sconfiggere i demoni che da dieci anni governano i suoi incubi e a ricomporre tutti i frammenti della propria vita per tornare, finalmente, la vera sé stessa?





Recensione: Eccomi ancora una volta a leggere uno romanzo di Melissa Spadoni per uscirne come sempre, positivamente colpita. In questo romanzo facciamo la conoscenza di Fanny e Sloan, due ragazzi le cui vite sono ben più legate ed intrecciate di quanto all’inizio potesse sembrare.
Fanny è una ragazza semplice e intelligente, la cui vita da diversi anni a questa parte è stata completamente stravolta. E’ stata infatti costretta a fuggire dalla sua vecchia vita, da chi era in passato e da coloro che amava per salvarsi, perché nessuno, a parte i suoi genitori credeva alle sue parole, considerandola pazza o peggio. Zaino in spalla e poche cose in valigia è scappata via, in una nuova città dove ha assunto una nuova identità, un nuovo look e una nuova vita. Tutto sembrava andar bene fino a quando quel passato da cui fuggiva non ricompare, più minaccioso e pericoloso che mai. E proprio in quel frangente fa la conoscenza del nuovo vicino, strampalato, arrogante e presuntuoso che lei fin da subito non sopporta.
Sloan è un personaggio che rimane per la maggior parte del romanzo quasi un completo mistero: di lui all’inizio sappiamo ciò che mostra, come si comporta con lei ma pian piano capiremo molto più di lui. Arrogante, presuntuoso, sfacciato e dannatamente bello: ecco, proprio il tipo di ragazzo da cui Fanny deve stare alla larga perché sa che non può permettersi di legarsi a nessuno. Lui inoltre pare sempre scherzare, prenderla in giro e non vederla assolutamente come una ragazza. Insomma non c’è nessun pericolo perché i due sembrano proprio odiarsi…ma sarà davvero così?!

“Proprio come tutto di lui, anche i suoi baci sono duri, spigolosi, un po’ burberi. E assolutamente eccitanti.
Le sue labbra premono contro le mie con forza. La sua lingua si insinua in me e mi obbliga a donarle tutto, invadendomi con il suo sapore per poterlo mischiare al mio, in quello che io definirei un bacio da vertigine.
La presa sulle mie spalle diviene più delicata, fino a svanire del tutto e io subito mi aggrappo alla sua felpa per paura che si allontani. Per paura che smetta.”

Pagina dopo pagina impariamo a conoscere Fanny e Sloan, le loro incertezze, le loro fragilità e i loro dolori: entrambi i personaggi si aprono al lettore gradualmente arrivando così a farci scorgere come sono davvero, le loro paure e timori. Il timore di non essere abbastanza, di essere rotti e impossibili da aggiustare, la paura di essere destinati a non avere un futuro ne qualcuno da amare. Eppure, un po’ alla volta i pezzetti di questo castello fatto di paure iniziano a crollare: l’uno riesce a far breccia nel cuore dell’altro, nonostante i tentativi di tenersi alla larga. Più si allontanano, più si attraggono irrimediabilmente: è una strana sensazione quella che provano e che l’autrice ci trasmette tramite le loro parole, un lottare perenne contro se stessi e un cedere al desiderio, all’attrazione e alle emozioni. A completare tutta la storia l’ironia che contraddistingue spesso i romanzi dell’autrice, una bella dose di Mistery e un pizzico di Thriller che ha reso il romanzo ancora più avvincente ed emozionante, una lettura con il fiato sospeso capace al contempo di commuovere ed emozionare.
L’autrice ha sparso qua e la diversi indizi che forse, il lettore più attento, riesce a cogliere: anche grazie ai flashback, ad ogni nuovo capitolo i pezzetti di quel puzzle complicato e inizialmente senza senso, iniziano pian piano a comporsi e l’immagine completa pare presentarsi proprio dinanzi ai nostri occhi. Scopriremo che i destino di Sloan e Fanny era forse già segnato ed intrecciato da tempo e che, prima o poi le loro strade si sarebbero dovute incontrare: entrambi i personaggi sono una scoperta continua, pieni di difetti, pregi e sfaccettature tutti da comprendere e apprezzare, con le loro stranezze ma soprattutto il loro grande cuore. Anche uno stupido noterebbe quanto loro due si capiscono e completano a vicenda, e anche loro ad un certo punto se ne rendono conto: perché quando sono insieme è tutto così semplice, perfetto e naturale che tutti i cattivi pensieri vanno via e sembra di volare su una nuvola di amore, tenerezza e dolcezze. Questo è quello che ho percepito dai loro sguardi intensi che si lanciano, dai loro gesti mancati e dalle parole non dette; e poi, vedendoli interagire, litigare, rispondersi per le rime e soprattutto vedendoli amarsi. 

“Sposta una mano sotto al mio mento per riportare i miei occhi nei suoi.
E così restiamo.
Muti.
Avvinti.
Occhi negli occhi.
Anima nell’anima.”

Non ho potuto fare a meno di adorare Fanny, la sua semplicità e gentilezza, la sua fragilità ma anche la sua forza; e che dire di Sloan, un ragazzo all’apparenza freddo, distaccato e arrogante ma che nasconde un cuore puro, gentilezza, cortesia e un’anima e un corpo profondamente feriti.
Solo insieme, Sloan e Fanny, potranno superare questa ultima e difficile prova, una corsa contro il tempo e contro il fato; solo insieme avranno modo di ricomporre i loro tanti piccoli frammenti di quei cuori troppo a lungo maltrattati e solitari, e le loro anime le cui ali spezzate potranno ora tornare a battere più forti di prima.
Melissa riesce ogni volta ad emozionarmi con le sue storie, che non sono mai scontate né semplici, mai noiose o assurde: le emozioni che narra sono sempre forti e impetuose capaci di travolgere i protagonisti ma anche il lettore; ogni suo romanzo è ben scritto e strutturato; i suoi personaggi sono sempre perfettamente caratterizzati e riescono a fare breccia nel cuore del lettore, irrimediabilmente. Scrive e racconta con semplicità ma incisività, riesce a coinvolgere ed incuriosire fin dalla prima pagina, a far emozionare, commuovere, sognare e sperare che l’happy ending sia dietro l’angolo, sempre e comunque. Non mi è ancora capitato di leggere un suo romanzo e di non apprezzarlo o amarlo, e credetemi, li ho letti quasi tutti! Ciò mi basta a farvi capire come sia un’autrice versatile ma con uno stile personale e che è impossibile non amare. Concludo la recensione facendo ancora i complimenti a Melissa e un ringraziamento alla Leggereditore per averci portato quest’altra sua storia tra le mani! - Ale  


VALUTAZIONE
 

1 commenti:

Buona lettura on 8 febbraio 2019 21:15 ha detto...

Mi ispira proprio!

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos