giovedì 1 settembre 2016

Recensione: "L'ira di Ade" di Thalia Mars

Pubblicato da AlessiaM a 10:59:00
Ciao Readers!! Oggi siamo qui per presentarvi la recensione di ‘L’ira di Ade’ di Thalia Mars, che proprio da oggi è on line per l’acquisto; ci tengo  a ringraziare ovviamente Thalia e Claudia per avermi dato l’opportunità di leggerlo in anticipo, e tutto il VTM per essere delle persone fantastiche, prima che amiche ed amici,( Hanni non mi sono dimenticata di te).  Riuscite sempre a strapparci un sorriso,con la vostra pazzia, ilarità, e ironia… come sarebbero state le nostre giornate senza questo gruppo??  Per fortuna non dobbiamo scoprirlo e ora bando alle ciance e vi lascio alla recensione, ho cercato di fare del mio meglio… di non farmi prendere troppo la mano e di essere il più chiara possibile. Fatemi sapere cosa ne pensate <3




 Titolo: L'Ira Di Ade
Autore: Thalia Mars
Prezzo:€ 0,99
La serie è composta da:
#1 La Chiave Di Poseidone
#2 I Figli Di Apollo
#3 La Maledizione di Persefone
#3.5 La Scommessa Di Zeus
#4 L'Ira Di Ade




Trama: I Maximi non possono provare emozioni. Creati per essere implacabili macchine assassine, non hanno spazio per debolezze come il dolore o il rimpianto.
Hektor non ha mai avuto dubbi sulla propria vita, né sul suo obiettivo: servire l’Esercito degli Dèi ed essere leale ai suoi compagni.
Cosa succede, però, quando un Maximo si innamora?
Hektor non è pronto ad affrontare gli sconvolgimenti che una myssi, un’anima gemella, può apportare alla vita di un guerriero. E il Fato non sembra essere dalla sua parte. Quando gli Dèi si riveleranno contrari alla loro unione, Hektor potrà chiedere aiuto soltanto al Principe dei guerrieri. Ma Damian ha ricevuto degli ordini chiari e non può ignorarli, neanche per il migliore tra i suoi guerrieri. In balìa degli eventi, a Hektor non rimarrà che prendere la più difficile delle decisioni: seguirà la ragione, restando al sicuro e tenendo fede al giuramento che lo vincola al khrathos, o si lascerà guidare dal cuore, rinnegando i suoi compagni e sfidando il suo Principe, per salvare l’amore della sua vita?





Recensione: E’ proprio vero che  spesso, essere particolarmente legati ad un romanzo, o ad una serie ti fa’ vivere un’esperienza completamente diversa. Ti fa sentire parte di quel mondo, ti dà la possibilità di immergerti completamente nella lettura e vivere gli eventi in prima persona, proprio come se tu fossi accanto ai personaggi, a soffrire, gioire e lottare con loro. Ed è proprio quello che mi succede ogni qual volta, rileggo un libro di Thalia, e con questa nuova avventura, ‘ L’ira di Ade’ non è stato diverso. Ritrovare i personaggi che tanto abbiamo amato, rileggere di Damian, di Sofia, di Ric… è stato un po’ come rincontrare dei vecchi amici con quell’affetto che non si assopisce mai nonostante la lontananza; scoprire nuovi personaggi è stato invece come rivivere il primo giorno di scuola, con quella frenesia e quella voglia di incontrare persone nuove, di sentire le loro storie, di conoscere la loro vita . E le storie di Hektor e Claudia, mi hanno completamente stravolta e travolta, entrambi all’apparenza persone forti che hanno deciso di non farsi mai più coinvolgere dai sentimenti…ma allo stesso tempo entrambi devastati da qualcosa del loro passato,un qualcosa che ha cambiato completamente le loro vite. Il senso di perdita, la lotta continua contro la parte più oscura di loro stessi non li abbandona mai, Thalia ha creato a mio avviso dei personaggi davvero completi, tosti ma allo stesso tempo vulnerabili, decisi ma allo stesso tempo insicuri, umani nella misura in cui non possono far a meno di provare qualcosa, qualsiasi cosa che li faccia sentire vivi. Ma puoi lottare quanto vuoi contro te stesso, contro sentimenti nuovi che non comprendi o che vuoi ignorare, ma come ben sappiamo  il richiamo del proprio Myssi è la cosa più forte del mondo….può essere una voce, un profumo, un volto, un tocco, ma una cosa è certa, quando lo incontri, SAI che lui è proprio il tuo Ektel, la tua parte mancante, quella parte che hai cercato per tutta la vita senza nemmeno accorgertene. …e puoi impiegarci un anno o un secondo a capirlo, ma lo sentirai e il tuo cuore non potrà far altro che battere con lui e per lui.
Hek e Claudia sono stati dei fantastici personaggi, mi sono divertita davvero tanto a leggere dei loro battibecchi, il loro aver sempre la risposta pronta ed essere sempre in anticipo sugli altri. Mi sono entrati sotto la pelle ed è stato davvero difficile lasciarli andare una volta concluso il libro.


Ho amato talmente tanto Hektor! In lui c’è proprio tutto ciò che si può cercare in un uomo: forte, attraente,simpatico, un tipo tosto ma che in realtà ha un gran cuore; leale verso Damian e gli altri Maximi, ma ancora di più verso il suo cuore. Lo vedremo lottare, in bilico tra queste due forze e costretto ad un certo punto a dover affrontare una scelta: i Maximi o la sua Myssi?







Claudia, è a mio avviso fantastica. Anche lei ha sofferto in passato e ora si ritrova a dover iniziare una nuova vita da sola senza che nessuno l’appoggi , ad aiutarla c’è solo il suo vicino di casa e unico amico Roberto. Ha un carattere da vera dura ma anche lei nasconde una sensibilità unica, segnata da insicurezze e debolezze, in una continua lotta contro “la bestia”, che cerca in tutti i modi di vincere.
  
              


Entrambi coraggiosi, li troveremo nel finale ad agire in modo inaspettato: forse d’impulso o forse spinti dall’amore; il sacrificio che sono disposti a fare,  vale la pena per salvare coloro che amano. Il finale è un qualcosa davvero di unico: ritroviamo l’azione e il patos che hanno accompagnato tutta la lettura di questo romanzo, con il giusto mix di passione, romanticismo e dramma. Ma cosa è che fa da sfondo a tutto questo? A mio avviso, ciò che ci spinge ad agire, ciò che ci porta ad andare contro tutto e tutti è proprio l’AMORE, ma l’amore quello vero, quello che ti stravolge, quello che ti fa’ sudare e battere forte il cuore, quello che risana le tue ferite e ripara i cocci di un cuore ferito; quello che ti fa sentire vivo e che dà aria ai tuoi polmoni, quello che ti fa sentire distrutto se la tua metà non è con te e che ti fa sentire euforico quando siete insieme. Quello dei Myssi è un legame talmente forte, da non poter essere spezzato da nulla in questo mondo, va coltivato, va custodito, bisogna lottare per proteggerlo; ed è proprio quello che questi ragazzi hanno sempre fatto: Damian, Sofia, Ric, Dina, Decklan, Hektor, Claudia (per nominarne solo alcuni) sono l’esempio lampante di tutto ciò.
Il finale è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, e se già rischiavo di piangere per la consapevolezza che mi avvicinavo alla fine di questa vicenda, la dolcezza, la perfezione dell’epilogo è stato il colpo di grazia. E’ quello che ti fa pensare al meritato lieto fine, a quel detto “tutto è bene quel che finisce bene”,  mentre dentro di te si fa largo l’idea che ci sia ancora tanto da dire e da raccontare su di loro…mentre quella sensazione agro-dolce  si espande nel tuo cuore, e quando ti trovi a girare l’ultima pagina un sorriso soddisfatto ti illumina il volto.
Ci sarebbe tanto altro da dire, ma non voglio anticiparvi nulla e rischiare di rovinarvi la lettura, quindi mi fermo qui! :) 

Per concludere il mio sproloquio, sicuramente promuovo a pieni voti il quarto volume di questa serie e vi invito a leggerla! E se ancora non la conoscete, date un’ opportunità a lei e a Thalia: la mente che ha partorito tutto ciò. Io ora mi lego le mani e smetto di scrivere o non la finisco più!

 

Alla prossima! <3   




2 commenti:

Cristina ShayLee on 2 settembre 2016 19:21 ha detto...

Non ne avevo mai sentito parlare *__*

AleRob Fraser on 2 settembre 2016 20:03 ha detto...

Te la consiglio davvero!! Prova ad informarti sulle trame dal 1 <3

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos