martedì 13 giugno 2017

Recensione: "La fine del mondo arriva di Venerdi" di Isabel .Alley

Pubblicato da Morena a 21:34:00
Questa volta vi parlerò di " la fine del mondo arriva di venerdi" di Isabel C. Alley.




TRAMA: Può una piccola decisione, apparentemente priva d’importanza, cambiare un’intera esistenza? Può l’amore, il sentimento più brillante e puro che esista, risvegliare un cuore recensione.
Renderlo allo stesso tempo così vulnerabile?
Giulia avrebbe potuto ottenere la vita perfetta: una brillante carriera da avvocato, due splendidi bambini, un marito medico elegante e distinto. Invece si ritrova sola, in una mattinata di fine giugno, a boccheggiare per i trenta gradi della sua casa e il post-sbronza del venerdì sera.
Durante il suo viaggio verso una meta solida e sfarzosa, uno strano meccanismo arriva a cambiare la direzione dei binari su cui il treno Giulia si sta muovendo: un meperché mo che porta il nome di Lia.
È la sua nuova coinquilina, romana, con una zazzera enorme di riccioli in testa, a scuotere Giulia dall’apatia che tormenta le sue giornate, portandola con sé nel mondo della rievocazione storica. È là, tra allegri festeggiamenti, danze intorno al fuoco, abiti di lino e radure immerse nei monti che Giulia conosce la libertà, la spensieratezza, l’amore.
È là che conosce Fran.
Fran, capace di portare l’oro dell’estate nel grigio inverno di Giulia. In estate, però, nascono anche le tempeste e non sempre le tempeste si placano. A volte possono lasciare dietro di loro un vuoto oscuro, come se ci si trovasse, tutto a un tratto, alla fine del mondo.
La fine del mondo può arrivare nel momento più inaspettato, prendendo da sola un appuntamento con ognuno di noi. Per Giulia ha scelto il venerdì.

RECENSIONE: Eccomi qui finalmente con questa nuova recensione, devo dire che all'inizio non avevo capito bene il tutto, perché  mentre si presentava  una vita per la protagonista tutto d'un tratto le cose si capovolgono. A parte questo, andando avanti tutto mi e' stato molto piu' chiaro ed è qui che le cose ahime' si sono complicate per la nostra protagonista. Durante il percorso e durante la cosidetta "Rievocazione", Giulia cambia  e in meglio: finalmente decide di fare ciò che ha sempre voluto fare, questo succede anche grazie all' incontro con Fran e Lia (tatatadaaa). Diciamo che in alcuni momenti mi è piaciuto in altri un po' meno (infatti  in alcuni casi lo volevo picchiare ahahah).

Il percorso fatto da Giulia puo' essere considerato a mio avviso come spunto per tutti noi e come punto di partenza per creare qualcosa che in fondo sappiamo di avere ma che abbiamo paura di esternare. E con questo vi lascio, alla prossima resensione. 

                            -Mory

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos