domenica 2 luglio 2017

Recensione: "Chiaroscuri d'amore" di Stefano Ravaglia

Pubblicato da Morena a 17:10:00

Sono tornata dopo un po' di tempo con una nuova recensione. Si tratta di "Chiaroscuri d'amore" di Stefano Ravaglia.

TRAMA: Due amanti in procinto di separarsi per lungo tempo. Una donna travolta da una folle passione per un uomo misterioso. Una famiglia che riscopre l'affetto reciproco intorno a una tavola imbandita e una coppia che riscopre invece il lato piccante del loro rapporto in un modo del tutto particolare. Un ex professore ancora innamorato del suo lavoro. Sono solo alcune delle sfaccettature che si snodano tra le pagine di questa raccolta di racconti dove l'amore è indiscusso protagonista, nei suoi più numerosi significati.

RECENSIONE: Finalmente dopo mille peripezie in cui mi sono dovuta districare per leggere e recensire questo romanzo, finalmente eccomi qui. Ammetto che all' inizio non ho subito inquadrato il libro, che prima narrava una storia e poi un altra, e devo ammettere che i racconti scritti in questo modo non mi piacciono molto, poiché mi lasciano sempre in bilico e in sospeso tra una storia e l'altra senza darti il modo di comprenderle bene. Comunque,  a parte questo, tutto sommato non è  niente male anche se non è  proprio il mio genere ma per coloro che vogliono  immedesimarsi e ritrovarsi nei personaggi del racconto lo consiglio. Chiunque potrebbe immedesimarsi in una delle diverse storie narrate in questa raccolta, che nonostante le mille differenze e sfaccettature hanno come tema principale l'amore: l'amore familiare, l'amore romantico, l'amore passionale, l'amore abitudinario, l'amore riscoperto. Sono tanti i lati di questo sentimento che i protagonisti vivono e scoprono in questi racconti e che ci permettono di entrare in sintonia con loro e condividere le loro azioni ed emozioni. 

Mi dispiace lasciarvi cosi presto ma il tempo è  tirranno, alla prossima recensione. - Mory

VALUTAZIONE 
 
                     

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos