mercoledì 24 gennaio 2018

Recensione: "Nati sotto la stessa stella" di Alessandra Angelini

Pubblicato da AlessiaM a 19:01:00
Ben trovati!! Finalmente arriva, "Nati sotto la stessa stella" di Alessandra Angelini  secondo volume della serie Bad Attitude disponibile da domani 25 Gennaio!! Venite a scoprire cosa ne penso!

Titolo: Nati sotto la stessa stella 
Autrice: Alessandra Angelini 
Editore: Newton Compton Editor 
Data di uscita: 25/01/2018


Trama: Amelia studia Medicina all’Università di Bologna, ha un rapporto conflittuale con i suoi genitori ed è abituata a fuggire dai problemi. Fan e amica della band del momento, i Bad Attitude, ha una storia altalenante con il cantante. A sostenere Amelia ci sono le sue amiche Isabella e Caterina, ma soprattutto Nico, il bassista del gruppo. Amelia è sempre in cerca di emozioni che le facciano battere il cuore, mentre Nico vorrebbe soltanto evitare altri problemi: quelli lui li conosce fin troppo bene. Basta poco per rendere i confini del loro rapporto indefiniti… È un’estate piena di musica e di magia quella che vivono, un’estate unica in cui tutto è possibile. Ma come in ogni sogno, dal quale prima o poi bisogna svegliarsi, Amelia e Nico dovranno decidere se la paura è più forte dei sogni che vogliono realizzare. La felicità è a portata di mano, devono solo trovare il coraggio di afferrarla…

Se hai un sogno devi proteggerlo.
Se ami qualcuno devi inseguirlo.  


Recensione: Beh ragazzi, da dove cominciare? Questo romanzo è un viaggio sulle montagne russe, uno sbalzo repentino tra alti e bassi, un mix di emozioni.

Il personaggio di Amelia lo abbiamo già incontrato nel volume precedente, l'abbiamo vista muoversi intorno ai protagonisti di 'Non dirgli che ti manca' insieme a tutti gli altri personaggi. In questo romanzo è lei il centro, il punto focale, la persona da cui hanno origine tutti i problemi. 
Amelia è molto amica di Isabella e di tutti i membri della band dei Bad Attitude, fin dal primo momento è stata attratta da Julien il cantante: la loro è una relazione-non relazione, un costante siamo-non siamo, un rapporto che nemmeno loro comprendono a pieno. L'attrazione tra i due è innegabile, e Amelia quando è tra le sue braccia si sente viva, eppure sente che niente è al posto giusto, avverte la mancanza di qualcosa nella sua vita.
Nico, il bassista del gruppo è un suo caro amico come tutti gli altri: i due parlano di qualsiasi cosa, si confidano, si supportano e sopportano. Il loro è un rapporto semplice, sincero, che fa bene al cuore e all'anima, un rapporto inizialmente senza complicazioni che si rafforza con il passare del tempo.


“Mi rilassai, sapere di poter stare con lui era stranamente confortante.
Ci sono persone che non basta una vita per conoscerle, e altre con cui ti trovi in sintonia in un battito di ciglia.”


Le complicazioni iniziano quando, per una serie di motivii due diventeranno coinquilini finendo con il condividere la casa, gli spazi e ogni momento della quotidianità: ciò gli permetterà di conoscere dei lati sconosciuti dell'altro che ignoravano ed imparando ad apprezzarli...quanto è vero che spesso l'apparenza inganna e i nostri pregiudizi ci privano della scoperta di ciò che le persone ci nascondono.
P passa il tempo più Nico sente nascere qualcosa per lei, un qualcosa che credeva non avrebbe più provato dopo la fine della sua relazione precedente. Eppure il sorriso di Amelia gli scalda il cuore, il suo sguardo lo accende e il suo tocco lo conforta: quella ragazza solare, stramba, semplice e al tempo stesso complicata gli ha riempito le giornate facendolo sentire vivo dopo tanto tempo.
Il passo dall'amicizia all'innamoramento è breve e Nico ci cade con tutte le scarpe: ma Amelia è confusa, non sa più quello che prova e verso chi prova qualcosa. Da un lato c'è l'ignoto, l'incertezza e una persona che non è pronta ad avere una relazione serie, dall'altro c'è la sicurezza di una persona che ha occhi solo e unicamente per lei.





“Mi rilassai, sapere di poter stare con lui era stranamente confortante.
Ci sono persone che non basta una vita per conoscerle, e altre con cui ti trovi in sintonia in un battito di ciglia.”



Nonostante questo però, Amelia per la maggior parte del libro, oscilla tra alti e bassi, tra indecisioni e punti di domanda. Devo ammettere che alcune volte l'avrei volentieri presa a sberle a causa della sua testardaggine e del suo non prendere una posizione certa, portando degli sconvolgimenti anche nelle persone che le stavano intorno. Spesso le è mancato il coraggio e la forza di buttarsi, di compiere delle azioni avventate a causa della troppa paura di soffrire e di far soffrire una delle persone a cui tiene di più. Per fortuna si saprà far perdonare!
Di Nico che dire, l'ho amato in tutto e per tutto: un personaggio che si rivela a poco a poco, che ho apprezzato con tutti i suoi pregi e difetti, in lui ho scoperto una dolcezza e una delicatezza che non immaginavo ed in compelta antitesi con l'aspetto da duro che ha. Eppure allo stesso tempo è caparbio, lotta con le unghie e con i denti per conquistare la ragazza che ama... più volte penserà di rinunciare, ma lei ha sempre la capacità di fargli cambiare idea conquistandolo con quegli occhi dolci
Anche se una presa definitiva di posizione tarderà ad arrivare, lo scoppio della passione tra i due sarà comunque impossibile da impedire, perché i loro corpi comunicano ad un livello così profondo che sarebbe difficile spiegare a parole. I loro occhi si cercano, i loro corpi si sfiorano e le loro anime si abbracciano: quando sono insieme sono l'immagine della perfezione eppure sembra che manchi qualcosa, forse quella spinta in più che li porti ad una situazione definitiva.



“Quel bacio era colmo d’emozione, di promesse, di tutto quello che potevamo essere e con ogni probabilità non saremmo mai stati.
È quando sei a un passo dal realizzare qualcosa che desideravi che avverti la paura, la senti crescere, e tanto più è grande il desiderio, tanto più è grande il timore di assaporare la felicità e perderla. È qualcosa che non puoi controllare.”


Ancora una volta anche la musica è protagonista di queste storie, attraverso di essa l'autrice ci comunica i pensieri più intimi e profondi dei protagonisti, le loro incertezze ed indecisioni, le loro paure e la loro dolcezza.
Ritroveremo tutti i membri della Band insieme a Cate ed Isabella, le cui storie continuano ed evolvono anche in questo romanzo e vi assicuro che ci saranno momenti che ci faranno sospirare dall'emozione e altri che ci stringeranno il cuore in una morsa. Tutti insieme i personaggi formano un coro di voci che muoveranno intorno alla storia di Nico e Amelia, arricchendola e movimentandola, aiutando i due nei momenti di difficoltà e rivolgendosi a loro nel momento del bisogno.
Per quanto l'amore sia il motore del romanzo quello che ho percepito come l'altro protagonista delle vicende è l'amore  per la famiglia e non intendo solo quella di sangue, ma quella pazza, unica e strampalata famiglia che tutti loro hanno scelto di essere l'uno per l'altra. Il loro legame non si può spiegare a parole, è un filo invisibile eppure solido, che li tiene legati ed uniti, che li riavvicina ogni qual volta si allontanano.





"Restammo così per non so quanto, poi girai il capo e lo trovai lì, che mi osservava. Quella situazione era intima, lo era anche prima, ma coi suoi occhi a bagnarsi nei miei, non era più solo la pelle a sentire, lo sentivo attraverso gli occhi, con quelle labbra appena schiuse a cercare aria. Facevo l’amore con i suoi occhi che non mi lasciavano andare. Facevamo l’amore col fiato, respirato, annusato. Facevamo l’amore col battito impazzito e col pensiero, sotto un cielo di stelle."
 

Lo stile dell'autrice è semplice e allo stesso tempo curato e questa volta forse anche maturato, l'impegno da lei impiegato ha dato i suoi frutti e credo proprio che l'attesa per questo secondo volume della serie sarà ben ricompensato. La lettura procede spedita nonostante la corposità di un romanzo che va' gustato lentamente; la storia non annoia mai anzi, la Angelini è riuscita a dosarne in maniera perfetta tutti gli aspetti creando una trama ricca, piena di alti e bassi e di momenti che tengono il lettore con il fiato sospeso. 
Che altro dirvi? Sono sicura che non riuscirete a staccarvi dalle pagine fino a quando non avrete finito di leggerlo ed anche in quel caso, sentirete quasi immediatamente la voglia di iniziarlo da capo, per rivivere le forti emozioni che ha saputo trasmettere.


 VALUTAZIONE

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos