mercoledì 4 luglio 2018

Recensione: "Consume me" di Elvereth Ahn

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00
Ben trovati! In questo post con grande piacere vi parlo di "Consume me" di Elvereth Ahn in uscita oggi 4 Luglio!

Titolo: Consume me
Autore: Elvereth Ahn
Genere: Dark paranormal romance
AUTOCONCLUSIVO
Data di pubblicazione: 4 luglio 2018
Selfpublishing


Trama:  Evil:
Sono nato in una notte senza luna e senza stelle. Un benvenuto perfetto per chi nasce con l’anima nera.
Amo distruggere, arrecare dolore. Amo sentire le urla dei dannati.
Perché sono il figlio del Diavolo e le tenebre sono la mia casa.
Devo portare a termine una missione: infangare d’oscurità l’anima di una donna marchiata dall’infanzia. Hope Anderson.
Lei rappresenta il punto di svolta per noi demoni.
Per l’Inferno.
Ma non era previsto che risvegliasse in me l’unica cosa che ho cercato di sopprimere fin da quando ne ho memoria.
Hope:
Sono merce di scambio.
La mia vita non mi appartiene. Lo conferma il pentacolo capovolto impresso sul palmo della mia mano sinistra.
Il simbolo del Diavolo.
Ho scoperto parti di me che nemmeno pensavo esistessero: il desidero di fare del male, la sete di vendetta, la voglia di vedere scorrere il sangue.
Il buio che mi ha sempre tormentata, ora, mi ammalia. Mi seduce grazie a degli occhi rossi capaci di consumarmi con una passione deviata.
Il loro richiamo è potente e non riesco a resistere.
O, forse, non voglio resistere. 



Recensione: Questa storia inizia in una notte disastrosa. Hope era solo una bambina ma che, troppo presto, ha dovuto affrontare il dolore e guardare in faccia alla morte quando il padre, che tanto amava, per sete di grandezza e potere ha stipulato un patto con il Diavolo evocandolo egli stesso. In Diavolo in persona gli concede la ricchezza e la salvezza della comunità ma in cambio vuole proprio lei, Hope. Il demone la marchia con il suo simbolo e, da quel momento, segna la sua giovane vita: per gli anni a venire, il palmo di Hope continuerà a bruciare e farle provare dolore, ricordandole ogni giorno quale sarà il suo futuro. Crescendo Hope comprende che il modo migliore per affrontare ciò che l’aspetta è allontanarsi dalla famiglia, dagli amici e non avere rapporti con nessuno; la ragazza si limita ad andare avanti e attendere il momento della fine. Quando quel giorno arriva, è il figlio del diavolo, Evil, a reclamarla: il padre lo ha incaricato di rintracciare la ragazza, seguirla e iniziare a piegarla alla malvagità, ad instillare in lei il male e l’odio, a farla soffrire e disperare. Il Diavolo ha tramato nell’ombra per anni attendendo il momento in cui la ragazza sarebbe arrivata al suo cospetto, grazie a lei infatti il mondo degli Inferi potrebbe rafforzarsi e prosperare, se solo lei abbracciasse la sua oscurità. Hope potrebbe diventare uno dei demoni più potenti, diffondendo il verbo del male, infliggendo dolore e morte alle anime umane.

Quando Hope si ritrova braccata da Evil sa’ che la sua fine è vicina eppure, sente che non tutto è perduto. Mentre il suo tempo sulla Terra è agli sgoccioli sente di avvicinarsi ad un mondo che non è così lontano da lei come credeva. Più passa del tempo con Evil più il suo corpo ne è attratto: se da un lato infatti tutto ciò che egli rappresenta la ripugna, dall’altro la affascina e la spinge a lasciarsi andare tra le sue braccia. Quando è con lui, Hope sente di poter essere libera di essere ciò che è, e, pian piano inizia a cambiare perché proprio grazie a lui comincia ad emergere la sua parte oscura, quella parte che alberga in lei da anni e che è rimasta nell’ombra, aspettando il momento giusto per venire fuori. Abbandonando ogni certezza e convinzione, Hope capirà che in realtà non c’è solo bene o male, non c’è solo il bianco e il nero, ma una serie di infinite sfumature e lei, che credeva di essere pura e incontaminata, scoprirà di avere in sé una luce oscura che la avvicina ad Evil, il figlio del Diavolo.  
Più andiamo avanti con la lettura più impariamo a conoscere Evil, iniziando a scorgere parti di lui in netto contrasto con la sua natura malvagia. Sono piccoli e flebili segnali  ma che fanno riflettere il lettore che si chiede quale sia il suo vero volto. Accanto ad Hope inizia ad emergere quel bagliore di luce che ha da sempre soffocato e che inizierà a fargli provare, per la prima volta, dei sentimenti. La strada che hanno imboccato non sarà semplice da percorrere e sul loro cammino incontreranno altri nemici che vogliono catturare Hope e condurla da Satana, ma Hope ormai appartiene a Evil, corpo e anima e nessun altro potrà averla. Cosa accadrà?


“Mi spingo contro di lei, in modo da farle sentire la mia erezione, il mio desiderio. Geme e la bacio con ferocia, costringendola ad aprire le labbra con violenza, possedendola anche solo attraverso un misero bacio.
Un bacio che mi sconvolge. Denti che cozzano, lingue che si cercano, mani traditrici che affondano nella pelle calda. Un fuoco potente divampa dentro di me, proprio come ha detto lei.
E non è il fuoco dell’Inferno. Nient’affatto.
Con questa sensazione arriva la consapevolezza che Hope riempie la parte vuota di me, e mi dona ciò di cui avevo bisogno per sentirmi completo.
Lei è davvero mia. Senza se e senza ma.”


‘Consume Me’ è un romanzo che ci viene raccontato, con POV alternati, senza filtri e dove la passione tra i due divampa ed incendia le pagine. Ammalia il lettore e lo travolge in un turbine di passione, desiderio e oscurità; rende difficile pensare con lucidità perché travolge completamente l’ordine naturale delle cose e dove il confine tra bene e male arriva a dissolversi. Non è la tipica storia dove la brava ragazza cambia il cattivo ragazzo, perché in realtà qui non c’è nessuna brava ragazza né un cattivo ragazzo da cambiare: in ‘Consume Me’ sarà lui a cambiare lei o meglio, a far capire a Hope la sua vera natura, l’unico modo in cui potrà sentirsi completa. Evil e Hope sono perfetti l'uno per l'altra così come sono.
L’autrice ha dimostrato una grande capacità nell’aver saputo dar vita ad una storia coinvolgente ed accattivante, completamente diversa dal solito, unica e particolare, adoperando uno stile curato e diretto. La lettura scorre leggera e fa si che il lettore si immerga completamente nel mondo che ci viene presentato e narrato e del quale si sentirà quasi di far parte, alla fine della storia. Perché è vero che le lettrici amano le storie dolci e romantiche e i cliché, ma è altrettanto vero che si lasciano piacevolmente catturare dall’oscurità, dal mistero e dal desiderio.  - Ale


VALUTAZIONE 

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos