venerdì 23 novembre 2018

Recensione: "Strada senza ritorno" di K. A. Merikan

Pubblicato da AlessiaM a 18:34:00
Ben trovati! Oggi vi parliamo oggi di "Strada senza ritorno", il primo volume della serie Sex & Mayhem del duo K. A. Merikan.

TITOLO: Strada senza ritorno
TITOLO ORIGINALE: Road of no return: Hounds of Valhalla MC
AUTRICI: K. A. Merikan
AMBIENTAZIONE: Lake Valley
TRADUZIONE: Alex Krebs
SERIE: Sex & Mayhem #1
GENERE: QLGBT - MC- Dark
FORMATO: Ebook
PAGINE: 370
PREZZO: € 4,99 su Amazon (disponibile su KU)
DATA DI USCITA: 23 novembre 2018
 
TRAMA: Zak. Tatuatore. Indipendente. Non ama avere relazioni.
Stitch. Motociclista fuorilegge. Rifiuta la propria sessualità. Non ama condividere ciò che è suo.
Il giorno del divorzio di Stitch, la personificazione della lussuria entra nel bar dove lui sta festeggiando. Pieno di tatuaggi e piercing, sfacciato, e bello come il peccato, Zak è l’erezione che Stitch ha atteso per tutta la vita. Tutto quello che Stitch desidera è poterne assaggiare anche solo un morso. Quello che segue invece è un banchetto sensuale dopo il quale nulla sarà più come prima. Costretto a nascondere la sua nuova relazione al mondo intero, Stitch cerca di mediare tra famiglia, club e criminalità, ma è solo questione di tempo prima che diventi troppo difficile. Zak si trasferisce a Lake Valley in cerca di pace e tranquillità, ma quando cade tra le grinfie di un Hound of Valhalla, la sua vita diventa tutto meno che semplice. Per poter stare con Stitch, il sogno erotico di Zak, deve tornare a nascondersi. Per quanto quella relazione sia infuocata, i segreti, il doversi nascondere, la violenza, la gelosia e l’atteggiamento bigotto della città colpiscono Zak nel modo peggiore. Quando fingere di non sapere cosa fa il suo uomo diventa impossibile, Zak deve decidere se la vita con un motociclista fuorilegge è davvero ciò che vuole. Quando la vita del club e le questioni sentimentali entrano in conflitto, tutto quello che rimane nelle vite di Zak e Stitch è il caso. 
 
 

Recensione: Ancora una volta il duo Merikan mi ha fatta innamorare dei loro personaggi e della loro storia travagliata, piena di dolore, sfide e conflitti ma anche di speranza, passione e sì, anche di amore.
Stitch è un motociclista fuorilegge, un uomo dalle forti  tempra che per tutta la vita ha anteposto i suoi doveri alla sua felicità: il suo club, il suo matrimonio e la sua famiglia, sono sempre stati i suoi impegni e obblighi più importanti, ciò che aveva la precedenza su ogni cosa compresi affetti, onore e la propria serenità. Ma troppo a lungo ha negato chi fosse in realtà, il suo più vero e profondo Essere, e anche lui è arrivato al momento di rottura e non ritorno. Quando il giorno del suo divorzio, in un bar incrocia gli occhi di Zak, capisce immediatamente di volerlo: lo desidera, lo brama e al tempo stesso nega ciò che sente, ma non si accontenterà finchè non lo farà suo. Zak è completamente il suo opposto: tatuatore, libertino e spirito libero ha sempre cercato di non dipendere da niente e nessuno, non ama i legami e si mantiente ben lontano da tutto ciò che può riguardare impegni e obblighi. Questo fino a quando non riceve un assaggio del sexy Stitch.
Tra loro scoppia una passione senza freni e inibizioni, palpabile immediatamente e che quasi buca le pagine del romanzo: tra baci, morsi e carezze i due iniziano pian piano e forse senza nemmeno accorgersene, a costruire un rapporto che è oltre il semplice e folle sesso. Inaspettatamente, le loro vite cambiano completamente e ad un certo punto diviene fuori dal loro controllo.       
Purtroppo il loro mondo non è disposto ad accettare quelli come loro, è violento, bigotto e profondamente discriminante e i due saranno costretti a nascondersi da tutto e tutti. Le difficoltà sono sempre maggiori perché barcamenarsi tra criminalità, famiglia, doveri verso il club e questa nuova relazione non è per nulla facile; anzi forse è impossibile e tutto ciò che credevano di avere e di poter custodire, rischia di andare in frantumi.


Prima ancora che se ne rendesse conto, le labbra di Stitch erano sulle sue, la lingua che
forzava per entrare mentre le sue mani afferravano i lati del viso di Zak, come un promemoria fisico di come avesse tenuto fermo il ragazzo durante il pompino. Il corpo di Stitch premette contro quello di Zak che si stava pentendo del fatto che non dormisse nudo. Il bacio fu semplicemente troppo bello.”


Stitch e Zak sono molto, molto diversi eppure insieme sono perfetti: dal momento in cui si incontrano entrambi cominciano a cambiare e maturare, iniziando prima di tutto, consapevolmente e inconsapevolmente, a lavorare su se stessi. Il primo passo per amare davvero senza conflitti ed impedimenti è quello di accettare e amare se stessi, e questo lo capiranno entrambi.
Nessuno dei due credeva di poter essere mai disposto ad affidare il proprio cuore ad un'altra persona, eppure, è quello che con il tempo arrivano a fare, sperando di non vederlo sanguinare.
Questa storia mi ha conquistata fin dalla prima pagina: è di un’intensità e dolcezza che si riescono a cogliere solo se si entra davvero nel romanzo; è una storia di dolore, crescita e coraggio dove dall’altro lato non mancheranno scene più crude e violente ma mai esagerate; è piena di passione ma anche e soprattutto di amore, di quell’amore che cambia, che rende felici e finalmente completi.
Amo la scrittura delle Merikan: perché sanno fondere sempre perfettamente tutte le diverse componenti delle loro storie creando personaggi pieni di sfaccettature; perché riescono sempre a smuovermi il cuore e a incantarmi con il loro stile diretto, senza filtri e sensualmente dolce che paradossalmente definirei poetico. E sì, lo so che parliamo di un dark, ma sono sicura che chiunque le abbia mai lette e amate, è riuscito a comprendere cosa voglio dire ma che è difficile da esprimere a parole.
Che altro dirvi? Lettura super consigliata per tutte le amanti del genere M/M. 
- Ale


VALUTAZIONE

1 commenti:

Buona lettura on 23 novembre 2018 18:53 ha detto...

Bella recensione.

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos