domenica 1 marzo 2020

Recensione: "Il tempo per amare ancora" di Patrisha Mar

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00
E' finalmente uscito il nuovo romanzo della bravissima Patrisha Mar, "Il tempo per amare ancora" disponibile dal 27 Febbraio. Noi come sempre l'abbiamo amato e ve ne parliamo in questa recensione. 

Titolo: Il tempo per amare ancora
Autrice: Patrisha Mar
Data di pubblicazione: 27 Febbraio
Prezzo: 2,99 euro
Editore: Self Publishing su amazon in ebook, kindle unlimited e cartaceo
Pagine: 450

Sinossi: "Ho un buco qui al centro del petto quando non ci sei. Non ho altro modo per colmarlo che restarti accanto."
Kieran Kane è stato abbandonato da sua moglie e si ritrova solo a crescere il figlio Kallum. La famiglia e la terra ereditata dal padre sono le uniche cose a cui tiene, non permetterà più a nessuna di far breccia nel suo cuore.
Noreen Burke è una giovane donna che alleva cavalli ed è innamorata da tanto tempo di Kieran, ma lui continua a chiamarla marmocchia.
A complicare le cose Nealla, che ha delle mire su Kieran e non è disposta a lasciarlo a unʼaltra donna.
La magica Irlanda, grandi emozioni e la forza di un amore impossibile vi accompagneranno in un viaggio indimenticabile nei sentimenti, alla ricerca della felicità.


Recensione: Io davvero non so come faccia ma quest'autrice ha la capacità di emozionarmi sempre ogni volta come se fosse la prima, e farmi innamorare perdutamente dei paesaggi e dei personaggi che racconta. Personaggi belli davvero: semplici, reali e di una purezza disarmante che, come le persone vere, soffrono, cadono e portano su di sè i segni delle loro cicatrici. Eppure la Mar riesce sempre a mostrarci le loro fragilità con delicatezza e dolcezza, lasciandoci avvicinare ai personaggi pagina dopo pagina e a far emergere al tempo stesso tutta la loro forza.
Kieran è un uomo dalle mille sfaccettature: bellissimo e attraente, burbero, taciturno, gentile, dolce e dal cuore d'oro. Un uomo che ha imparato fin da giovane ad assumersi le proprie responsabilità e a progettare il suo futuro con quella che poi è diventata sua moglie. Le sue radici e la sua famiglia sono sempre state le cose più importanti per lui, seconde solo al figlio Kallum. Kieran credeva che la sua vita fosse ormai comlpeta e appagante, ma quando la moglie li abbandona tutto il suo mondo crolla all'improvviso. Il suo cuore ormai spezzato si chiude ad ogni possibilità di poter amare ancora e il suo unico pensiero è quello di occuparsi del figlio. La sua amica Caitlin è un'altra presenza fissa nella sua vita, insieme a quella della sua vicina Noreen, una ragazza che conosce fin da piccola e che, negli anni, gli è sempre stata accanto ma che non ha mai davvero guardato. 
Noreen è una ragazza bellissima, solare e spensierata, molto legata alla famiglia e sempre pronta ad aiutare il prossimo. Fin da piccola si è innamorata di Kieran, quel ragazzino di sei anni più grande di lei e che l'ha trattata sempre come una mocciosa, una sorellina più che altro. Nel corso degli anni entrambi hanno vissuo: lui si è sposato e ha avuto un figlio e lei ha continuato a guardarlo e amarlo da lontano, augurandogli solo e sempre il bene. Lei, che per lui ha sempre provato un sentimento puro e assoluto, è la mia eroina in questa storia: una vera combattente che non si è mai arresa, anche quando non sembravano esserci speranze. L'unico momento in cui si sente libera e bellissima è in sella ai suoi cavalli di cui ama prendersi cura. Una passione che coltiva con amore e dedizione e che riesce ad alleggerire il suo cuore ferito da tanti anni di sofferenze. Ma lei ha una bellezza, sia dentro che fuori, di cui non è consapevole ma di cui tutti, o quasi, si sono accorti.


"Lo baciò, riversando in quel bacio tutta la gratitudine e la costanza del suo amore adulto e una volta bambino.Un amore che era cresciuto e si era nutrito di piccoli momenti, ma che era di nuovo potente, un sole che splendeva sulle tenebre. Poteva essere il suo angelo custode dopotutto."

  
Kieran e Noreen sono bellissimi e non parlo, solo, del loro aspetto fisico. Sono belli da leggere e sono convinta che, se fossero persone reali, sarebbero bellissimi da vedere. La loro complicità è qualcosa che non si può spiegare a parole e la si può comprendere solo leggendo questo libro. Il loro è un legame che è nato naturalmente ed è maturato silenziosamente ritagliandosi, in punta di piedi, uno spazio nelle vite di entrambi. Vite completamente diverse ma che riescono a combaciare perfettamente. Noreen ha sempre fatto parte della vita di Kieran, anche se solo sullo sfondo: gli è sempre stata accanto sapendo trovare ogni volta le parole giuste per tirargli su il morale e strappargli un sorriso anche nei momenti più bui. Non ha mai chiesto nulla in cambia limitandosi a donare tutta se stessa senza remore. E lui, inconsapevolmente, si è lasciato avvicinare da quella ragazza e fatto scaldare il cuore senza nemmeno rendersene conto. Kieran rimane destabilizzato quando inizia ad accorgersi davvero di lei e a guardarla con occhi diversi: e così quella che era sempre stata una marmocchia, un maschiaccio di bambina isnomma, diventa ora ai suoi occhi una donna bellissima e attraente che vorrebbe stringere tra le braccia e baciare in eterno. Quando il suo cuore ritorna a sentire qualcosa e provare emozioni la sua maschera crolla. Noreen è pronta ad accettarlo così come è senza voler cambiare nulla di lui, amando ogni sua piccola parte. Saprà farlo anche Kieran? La passione si intreccia all'amore creando un mix perfetto.


"Era sempre stata vicino a lui, in silenzio, rispettosa, delicata, ma cʼera stata. Unʼombra pallida sullo sfondo di una vita sfocata, ma era lì che lo sosteneva, che credeva in lui e cercava di strappargli sorrisi. E ora quei momenti assumevano i toni di una benedizione, di un regalo."


La loro storia non sarà priva di difficoltà: terzi incomodi, incomprensioni e poca comunicazione ci metteranno lo zampino, pronti a minare le fondamenta di quell'amore forte, passionale e romantico ma al tempo stesso fragile e delicato che per andare avanti dovrà porre le basi sulla fiducia e sulla sincerità. Una menzione che non può mancare è quella al piccolo Kallum, un bambino bellissimo e dolcissimo, presenza indispensabile di questa storia e punto chiave di tutto.
Ho amato tutto di questo romanzo in ogni sua singola sfaccettatura perchè ogni parola, ogni frase ed emozione narrata si trasformano sempre in pura poesia attraverso le parole dell'autrice, che ogni volta riesce a creare qualcosa di unico e speciale. Si capisce chiaramente quanto ami scrivere e raccontare di amori sinceri e puri, delicati ma reali; di personaggi spezzati ma forti e dal cuore buono, di amicizia, famiglia e paesaggi da sogno. L'amore, la dedizione e le attenzioni che ci mette traspaiono in ogni parola e arrivano dritti al lettore che non può far altro che immedesimarsi immediatamente nei protagonisti e gettarsi a capofitto nella lettura. Uno stile curato, pulito e fluido e una narrazione coinvolgente rendono difficile staccarsi dal libro. Sono sincera, quando leggo i suoi romanzi vorrei che il tempo si fermasse e che la lettura non arrivasse mai alla conclusione perchè ogni volta lei e i suoi personaggi ci regalano un pò di loro stessi e io, mi ritrovo immancabilmente a lasciare un po' di mè tra quelle pagine magiche. - Ale
  
  VALUTAZIONE    

2 commenti:

Patrisha Mar on 1 marzo 2020 11:50 ha detto...

Tu mi hai regalato la vera gioia con le tue parole, grazie dal profondo del cuore

Buona lettura on 7 marzo 2020 02:16 ha detto...

Interessante.

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos