martedì 21 giugno 2016

Recensione: Il mondo dell'altrove di Sabrina Biancu

Pubblicato da AlessiaM a 20:53:00

Ben trovati! Per noi è un periodo impegnatissimo ma siamo tornate con una nuova recensione!! Dateci un'occhiata.



Autrice: Sabrina Biancu

Pagine: 116

Prezzo di copertina: 12 euro
Editore: Marco Del Bucchia Editore

Trama: Cinque racconti – in cui fantasia e realtà si mescolano – capaci di trasportare il lettore in un altro mondo, in un luogo magico. Capaci di farlo sognare. Ogni cosa è viva e insegna qualcosa d’importante. E ciascuna storia si trasforma nella tappa di un viaggio in cui si cresce e si matura a fianco di Elia, Rosy, Tea, Pietro, Desideria, André e della stellina Irina. 


Recensione:

Il libro si snoda in cinque racconti che appartengono al genere della favola, con lo scopo di trasmetterci un messaggio, ogni storia infatti ci lascia qualcosa, un modo per crescere.
Nel prologo leggiamo di questo  bambino che non vuole crescere a cui una voce suggerisce di non smettere mai di inventare storie.  Nel primo racconto siamo sotto Natale ed il protagonista Elia ha perso tutto: moglie, figli, lavoro, casa, macchina. Ma un giorno conosce un giovane cuoco che lo aiuta. E se e non fosse Nico a dover aiutare Elia ma l’inverso?
Il secondo racconto,  parla di una bambina capricciosa che ha bisogno di compagnia, ad aiutarla sarà un anatroccolo, Quicky, che comunica con lei telepaticamente e diventa il suo migliore amico. Ma se anche questa storia nascondesse un segreto?

La terza storia  vede protagonista una donna  che ha perso il figlio e delle rose sono cresciute proprio dove è stato seppellito. Tea, è sempre sola ma ci sara un bambino che forse può cambiare le cose.

La quarta storia  narra di Desideria, che cresce con l’amico André. Peccato che lei, per colpa di un’epidemia, abbia il volto deforme e a causa di ciò si chiude in se stessa, rifiuta di farsi vedere anche dallo stesso André che, malgrado tutto, non si arrende.
L’ultimo racconto è “La piccola stellina”. La stella Irina scende dal cielo, anche se è vietato, e segue la storia infelice di una donna che è stata lasciata e che si è ripromessa di non innamorarsi più. Ma Irina non può sopportarlo e si sacrifica.
Nell’epilogo troviamo lo stesso bambino del prologo, ma ora è contento. Vi chiederete perche'?Correte a leggere questa storia per scoprirlo!
Insomma per concludere, questo libro fa bene all'anima, ci porta a sperare, ad immaginare, ad essere positivi e trovare sempre il bello anche nelle situazioni più brutte!


E noi siamo giunti al termine della recensione! Vi aspetto alla prossima!
- Ale

2 commenti:

Sabrina Biancu on 22 giugno 2016 20:41 ha detto...

Grazie di cuore per la recensione e per il tempo che mi hai dedicato! ❤
Grazie! 😃

AlessiaMassa on 1 luglio 2016 12:54 ha detto...

Grazie a te e ancora complimenti <3

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos