venerdì 3 marzo 2017

Recensione ''Vorrei che fossi felice'' di Arianna di Giorgio.

Pubblicato da Morena a 15:05:00
Eccomi con una nuova recensione. Oggi tocca a ''Vorrei che fossi felice'' di Arianna di Giorgio......pronti via!!!!!!!!


TITOLO: Vorrei che fossi felice
AUTRICE: Arianna Di Giorgio
GENERE: Romance contemporaneo
EDITORE: Butterfly Edizioni Collana Love self
PAGINE: 120
PREZZO: EBOOK € 1,99 su Amazon e KU




Trama: Jenny non si gode i suoi 25 anni. Da quando è sopravvissuta a un incidente stradale, in cui ha perso il suo fidanzato, è come se fosse morta insieme a lui. È un senso di colpa ogni sorriso che fa, ogni minuto, ogni respiro. Resta aggrappata al ricordo come se Emanuele fosse ancora vivo, lo sogna tutte le notti, lo pensa durante il giorno e si è promessa di non innamorarsi mai più. La famiglia e le amiche la spronano a reagire e per la prima volta, dopo tre anni dall'incidente, ritorna a Vietri nella villa ereditata dal nonno. Lì rivede Lorenzo, amico della sua adolescenza quando andava al mare, un ragazzo per cui da piccola aveva una cotta. Anche Lorenzo ha avuto degli anni difficili che lo hanno cambiato e ora è stanco di tenere per sé un segreto che si porta dietro da anni... La persona che si ritrova davanti, però, non è più la ragazzina tutta pepe e lentiggini che si ricorda e che gli stava sempre appiccicata durante le estati. Jenny è una donna diversa, fragile e bellissima, come il più bel fiore del mondo. Deve solo trovare il modo di sbocciare e lui le insegnerà a non reprimere la sua voglia di vivere, ma soprattutto a perdonare se stessa e a ricominciare ad amare...


Recensione: Come ho già detto prima parleremo di ''Vorrei che fossi felice'', in tre semplice parole è stato BREVE  MA INTENSO.
Premetto che quando l'ho iniziato a leggere non avevo letto la trama, non sapevo niente, ero all'oscuro di tutto. Quando ho iniziato, stavo bevendo un tazza di tè e per poco non l'ho versata sul PC (PERICOLO SCAMPATO AHAHHA), sono rimasta di stucco nel scoprire che la storia era ambientata a Vietri sul Mare e indovinate un po di dove sono i miei genitori????!!!?!?!?!? ebbene sì, proprio di Vietri, per me è come una seconda casa sono sempre lì! Mi ha fatto veramente piacere vedere scritto ''Vietri'' e riportare alla mente i luoghi che la stessa protagonista ama cosi tanto e che anche a me piacciono molto, la chiesa di San Giovanni, la piazzetta al centro della città, la ceramica Solimene, Maiori, sono davvero contentissima, anche se devo fare una piccola precisazione la spiaggia non si trova a Vietri ma in un paesino più giù che si chiama Marina, errori che commettono in molti, ma non fa niente sono comunque contentissima e dopo aver detto questo inizio con la recensione.
La storia narra le vicende di due giovani che nella vita hanno sofferto chi per la perdita di un amore, chi a causa di una malattia ma che alla fine queste vicende li hanno resi più forti e li ha fatti riavvicinare ed innamorare in modo da dargli il loro meritato happy ending.
Come detto prima è un libro breve ma intenso, in sole 92 pagine ho  pianto, sorriso  e gioito insieme alla protagonista.  Jenny una ragazza che aveva trovato tutto nella vita a causa di un incidente perde tutto, l'uomo che ama, il lavoro, la sicurezza in se stessa a causa di un incidente,ma grazie al suo vecchio amico, Lorenzo, ritrova tutto quello che aveva perso. Lo devo ammettere, sono letteralmente scoppiata a piangere quando ho scoperto (SPOILER) che il cuore di Emauele era stato dato a Lorenzo per il suo trapianto ed è stata una cosa  che non mi aspettavo proprio. Alla fine Jenny credeva di aver perso tutto del suo amore passato ma in realtà lui vive nel suo amore presente e  futuro e credo che questo possa essere un finale degno di questo nome. Poi l'epilogo: loro sposati con la figlia Isabella e un altro pargoletto in arrivo non  c'è niente che posso aggiungere, i fatti parlano da soli. 
E con questo termino e ci sentiamo alla prossima recensione.

                                                                        -Mory

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos