lunedì 18 settembre 2017

Recensione: "Il Cuore a Oriente" di Giulia Santagata

Pubblicato da AlessiaM a 19:38:00
Ben trovati Readers! Oggi vi parlo (e mi scuso per l'attesa) di  "Il Cuore a Oriente" di Giulia Santagata pubblicato in Self Publishing il 30 Luglio.

Titolo: Il Cuore a Oriente
Autore: Giulia Santagata
Genere: Romanzo rosa, Chick-lit
Prezzo: 0,99 ebook; 5,72 cartaceo
Data di pubblicazione: 30 luglio 2017
Pagine: 135

Trama: Adele lavora in una società di informatica britannica, ha un ragazzo a cui vuole bene e una vita che le va un po' stretta. La sua routine viene rivoluzionata quando, per un equivoco, viene mandata a seguire un nuovo progetto dall'altra parte del mondo: in India. Un mondo sconosciuto e inesplorato, che la metterà di fronte alle proprie paure e ai propri desideri. Chick-lit con una spruzzata di esotismo.

Recensione: Devo dire che questo romanzo è stata una piacevole scoperta grazie anche ad una trama semplice ma che incuriosisce e che spinge ad iniziare la lettura.

Adele, la protagonista è una giovane ragazza che sembra vivere una vita a metà: lavora in una società informatica britannica e ha un bravo fidanzato a cui è molto legata, ma sente tutto il resto come una morsa che la opprime. Ossessionata ad organizzare ogni aspetto della sua vita, non tollera di non avere il controllo su qualcosa.
La sua vita non ha nulla di emozionante: tutto è scandito da una noiosa routine che ormai ha annoiato anche lei, ma nonostante questo, non riesce a trovare la spinta, la forza di prendere una decisione. 


"Che giornata assurda, all’improvviso sembrava che avessi perso il controllo di tutto quanto, io non faccio queste cose, io sono miss organizzazione. Questa è la punizione per aver voluto un po’ di avventura. No, niente sorprese, meglio il solito tran tran. Ora è tutto a posto…"

 
Per sfortuna o meglio, grazie al destino, uno strano equivoco al lavoro la porta a cambiare completamente la sua vita: città, amicizie, compagnie e stile di vita. La meta? La bellissima India.
Abituarsi ad una città molto diversa dalla sua all'inizio sarà molto difficile: Adele si sentirà persa, sola e lontana da tutti, in un posto con una lingua diversa dalla sua ed usanze e modi di agire molto particolari. Le sembrerà quasi impossibile riuscire a rapportarsi con le persone e cercherà di concentrarsi principalmente sul lavoro.

A poco a poco però, scoprirà che quel mondo che credeva così diverso, nasconde delle meraviglie sconosciute: luoghi incantati, posti meravigliosi e persone speciali. Adele dovrà mettersi in gioco, rischiare di fallire ma anche di poter vincere; sfidare le sue paure e scoprire quali sono davvero i suoi desideri e le sue speranze e a districarsi nella costante incertezza ed indecisione.

Forse ci metterà lo zampino anche un certo Loganathan o meglio Logan, con il quale si sconterà fin da subito a lavoro ma con cui con il passare del tempo entrerà in sintonia, condividendo con lui molte cose: confidenze, nuove esperienze, litigi e momenti di tranquillità. Il tutto porterà ad un crescendo di sensazioni e sentimenti che però Adele crede di non potersi permettere, dato anche il fidanzato che l'aspetta a casa. Ma si sa, a volte l'amore, quello vero, arriva quando meno lo si aspetta; e ci sconvolge, ci travolge, ci rapisce impedendoci di pensare ad altro, portandoci a chiedere come abbiamo fatto a vivere senza fino a quel momento.


"Sembra tutto facile quando siamo io e lui. Due bambini, dimentichi delle loro case, delle loro famiglie. Della loro vita. Siamo come due bambini in un luna park, che guardandosi intorno stupiti, hanno incrociato il loro sguardo, si sono conosciuti e ora giocano, stupendosi insieme delle giostre. L’India è il nostro luna park. Ma a breve verranno a prenderci, e dovremo tornare alle nostre vite. Niente ci lega, tranne lo stupore e la voglia di stare insieme."


Dunque quella che era stata la conseguenza di uno spiacevole e sfortunato equivoco, si rivelerà essere un viaggio che la porterà prima di tutto a scoprire se stessa nel profondo, ad accettare tutti i suoi pregi e i numerosi difetti; e infine a scoprire quali meraviglie il resto del mondo nasconde.
Un romanzo molto divertente, entusiasmante che scorre veloce ma allo stesso tempo molto dolce, inutile dunque dirvi quanto mi sia piaciuto!

Devo dire che lo stile dell'autrice è molto semplice ma chiaro, con un alternanza tra lo scambio di battute tra i personaggi e i pensieri diretti della protagonista che ci danno uno scorcio su ciò che pensa in determinate situazioni, mentre le vive. Si percepisce anche quanta cura abbia messo nel parlare di un paese e descriverlo, ovvero l'India, con i suoi luoghi magici, la sua profonda cultura e le persone splendide che la popolano col l'aggiunta di un pizzico di esotismo che è ben calibrato nel romanzo, e che lo rende particolare ed unico.

Dunque che dirvi, ve lo consiglio? Sicuramente si, una lettura piacevole e perfetta per staccare dalla routine! - Ale

VALUTAZIONE 

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos