sabato 28 luglio 2018

Recensione: "Vespertine” di Leta Blake & Indra Vaughn

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00
Ben trovati! Oggi vi parlo di un romanzo uscito ieri 27 Luglio per Triskell Rainbow, si tratta di "Vespertine” di Leta Blake & Indra Vaughn.

Data di pubblicazione: 27 Luglio
COLLANA: RAINBOW
Titolo: Vespertine (edizione italiana)
Titolo originale: Vespertine
Autore: Leta Blake & Indra Vaughn
Traduttore: Barbara Belleri
ISBN EBOOK: 978-88-9312-412-6
Genere: contemporaneo
Lunghezza: 394 pagine

Prezzo Ebook: € 6,99

Trama: Possono un prete e una rockstar rispondere alla chiamata dell'amore?
Diciassette anni fa, l’amicizia tra Jasper Hendricks e Nicholas Blumfeld si è trasformata in una relazione d'amore segreta. Hanno trascorso mesi idilliaci finché la chiamata di Jasper al sacerdozio è diventata impossibile da ignorare. Sconvolto, Nicky ha seguito la sua strada verso la celebrità nel mondo del rock, ma non ha mai smesso di guardarsi indietro. Oggi Jasper è un prete dichiaratamente gay e lavora duramente per aiutare i giovani vulnerabili della comunità LGBTQ. È determinato a portare cambiamenti nella Chiesa e nel mondo. Rispettato, ammirato e a proprio agio con la sua identità, Jasper ha a lungo ignorato la solitudine. Nicky, noto come Nico Blue, chitarrista e cantautore della band Vespertine, ha conquistato i cuori di milioni di ammiratori. Lui e la band hanno girato il mondo, incendiando i fan con la loro musica. Stordito dalle droghe e alimentato dalla rabbia, Nicky si sente completamente solo. Quando i componenti della band sono costretti a disintossicarsi, torna a casa, dove tutto è iniziato.
Le carriere di Jasper e Nicky hanno dominato le loro vite sin da quando si sono separati da adolescenti. Quando si rivedono, devono scegliere tra i fantasmi persistenti del passato o la promessa di un nuovo futuro.


Recensione: Jasper e Nicholas si conoscono praticamente da tutta la vita: i due ragazzi infatti sono cresciuti insieme, hanno condiviso tante esperienze belle o brutte che esse siano state, ma soprattutto hanno imparato cosa significa amicizia, amore e passione quando quel loro grande legame si è trasformato in qualcosa di più travolgendoli in una spirale di passione e sensualità. Peccato però che le loro vite sono destinate a cambiare radicalmente quando Jasper, o meglio Jazz, a soli diciassette anni, sente la chiamata di Dio decidendo così di abbandonare tutto ciò che ha, compreso l’amore per Nicky, per dedicarsi unicamente alla sua missione come prete. Vi lascio immaginare quanto l’accaduto abbia stravolto completamente Nicky, profondamente legato e molto innamorato del ragazzo; ma dopo quanto successo, restare lì in quella città e vedere davanti ai propri occhi ciò che gli è sfuggito dalle mani e che non potrà più avere, è troppo doloroso per lui e decide così di andare via per seguire il suo sogno di vivere della sua musica. Jazz era tutto per Nicky, ma da quel momento in poi quest’ultimo è rimasto da solo, solo con se stesso e la sua disperazione e convinto di essere stato ingannato dal ragazzo che secondo lui non lo ha mai amato. Ma è davvero così che sono andate le cose? C’è altro che ha spinto Jazz al sacerdozio oltre la sua chiamata?


“No. Aveva fatto ciò che doveva. Aveva affrontato Jazz e ora doveva lasciarlo andare. Doveva imparare a vivere senza di lui.”


Diciassette anni dopo scopriamo quale sia la vita di entrambi: Jazz, ora Padre Jasper, si è dedicato corpo ed anima alla sua vocazione nelle sue vesti di prete dichiarato, accettando se stesso e i suoi sentimenti, fondando una comunità QLGBT e tentando di aiutare chi come lui affronta lo stesso momento di rottura e fragilità; Nicky invece, è ora Nico Blue un musicista molto famoso di una rock band, i Vespertine, la cui vita però è profondamente peggiorata arrivando al baratro più profondo, col suo atteggiamento autolesionista e vittima delle tossicodipendenze. Arrivato al punto di perdere tutto, per salvargli la vita, la sua casa discografica decide di allontanarlo con tutto il suo gruppo, da quel mondo che gli ha fatto solo male per rimandarlo a casa e farsi curare in riabilitazione.
E sarà proprio allora che le strade di Jazz e Nicky si incroceranno di nuovo riaprendo vecchie ferite e conti ancora in sospeso: l’odio che Nicky prova per Jazz è facilmente percepibile e il suo modo di reagire è attaccare l’altro prima di essere attaccato e di dargli la possibilità di spiegarsi, arrivando a ferirlo e chiudersi nuovamente pur di non soffrire ancora. Jazz però, che non lo ha mai dimenticato pur avendo provato ad andare avanti, teme per la sua salute e vuole aiutarlo, per quanto possibile, a riprendere in mano la sua vita. Certo, più facile a dirsi che a farsi, perché è difficile aiutare qualcuno che non vuole essere salvato, soprattutto non da noi. Pian piano però i due riusciranno a trovare un punto d’incontro, ad aprirsi ed imparare a conoscersi ancora una volta, mettendosi a nudo completamente e a costruire di nuovo la fiducia, la confidenza e l’intimità (e che scene readers!, Preparatevi un ventaglio a portata di mano), che avevano un tempo.
Il loro legame rinascerà, tanto forte quanto confuso ed intricato a causa di una lotta continua tra cuore e testa: Jazz e Nicky sono due personaggi complessi, con mille sfaccettature e spesso difficili da comprendere, che nascondono sempre una qualche sfumatura di mistero e di oscurità. Entrambi con il proprio dolore, la propria storia e le proprie cicatrici; entrambi spesso in lotta contro se stessi, contro i pregiudizi e contro ciò che sembra giusto o sbagliato; entrambi pronti ad annientare ed annullare se stessi per il bene della persona più importante della loro vita.


Aveva quattordici anni ed era sotto la finestra di Nicky, gli occhi chiusi, ascoltando la musica che usciva così facilmente dalle sue dita. Le corde della chitarra scivolavano verso di lui e lo toccavano come gocce di pioggia dopo un brutale giorno di caldo. Per la prima volta in vita sua Jasper pensò, lo amo.”


Questo duo di autrici è riuscito a creare una storia enigmatica e tortuosa e con una buona dose di dramma e pathos, che un momento ci lascia sognare e sperare per il meglio, e l’attimo dopo ci stringe il cuore in una morsa di dolore e disperazione, e, non nego di essermi commossa in alcuni passaggi. La scrittura è molto coinvolgente, lo stile diretto ed immediato e travolge il lettore con la sua intensità, facendolo entrare in sintonia con i personaggi e facendogli percepire chiaramente tutte le loro emozioni: insicurezze, dolore, sofferenza, dolcezza, passione e soprattutto affetto e tanto amore. Riusciranno Jazz e Nicky a trovare la soluzione per quel loro amore tormentato e mai dimenticato? Per scoprirlo dovrete leggere questo romanzo che vi consiglio caldamente! - Ale

 
VALUTAZIONE

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos