giovedì 27 dicembre 2018

REVIEW PARTY: "Dove cade il fulmine" di Ornella De Luca - Recensione

Pubblicato da AlessiaM a 08:00:00
Ben trovati Readers! Oggi partecipiamo al Review Party per l'uscita del quarto romanzo della Serie The orphanage di Ornella De Luca, intitolato "Dove cade il fulmine". Pronti a tornare dai nostri adorati ragazzoni di Villa Sullivan?!

Titolo: Dove cade il fulmine
Autrice: Ornella De Luca
Serie: The orphanage series #4
Genere: Romance
Data di uscita: 17 Dicembre 2018
Editore: Self


Trama: Una minaccia dal passato, una lettera d'addio, una passione al sapore del mosto. 

Jack Sanders ha cancellato i ricordi della sua infanzia, relegandoli in un cassetto segreto del cuore. Conosce solo Villa Sullivan, gli amici, le responsabilità del suo impiego e le ragazze avvenenti del Rose's Paradise, il night club dove lavora come capo della sicurezza.
Eppure, fino ai cinque anni, Jack era un'altra persona.
Aveva una famiglia che lo amava e che mai lo avrebbe lasciato orfano, ma una notte finita in tragedia ha cambiato il corso degli eventi.
Niente potrebbe spingere Jack a scavare in un passato che non desidera riesumare, se non fosse per l'arrivo di un regalo inaspettato… 

Andréa Dumont è esattamente come vorrebbe essere.
Ha faticato tutta la vita per diventare la donna che è: una sommelier famosa, con abiti firmati indosso, acconciature di classe e inviti per i locali più lussuosi di Seattle.
Niente potrebbe spingere Andréa a lasciare la sicurezza raggiunta, la bolla di falsità e scintillio dentro la quale si sente protetta dagli attacchi esterni, se non fosse per una lettera d’addio ritrovata in soffitta… 

Nello scenario di una vecchia azienda vinicola della Napa Valley, Jack e Andréa dovranno scavare a fondo nella polvere dei ricordi per far pace col passato e sentirsi finalmente liberi.
Una colpa da espiare, un segreto inconfessabile e una scatola piena di vecchi diari saranno i fili conduttori di un viaggio negli anni '70, nelle radici dalle quali inevitabilmente si tende a fuggire, ma alle quali ritorniamo sempre, ancor più inevitabilmente.
Come un fulmine attratto da un albero imponente. 

Dove cade il fulmine è una storia di passioni antiche e nuove, un intreccio di vino e sangue che a tratti si confonde in un'unica terribile vendetta.
Dove cade il fulmine è il quarto romanzo autoconclusivo della serie The orphanage, che segue le vicende di cinque amici, cresciuti insieme nella spettrale “Villa Sullivan”. 
 

Recensione: Siamo arrivati al quarto romanzo di questa serie di libri auto conclusivi: sembra ieri il giorno in cui ci accingevamo a leggere il primo volume della serie The Orphanage che ci avvicinava al mondo creato da Ornella De Luca ed eccoci qui già al quarto. Credevo ormai di conoscere bene l’autrice, il suo modo di scrivere, l’intensità con cui ci racconta storie semplici ma che riesce a rendere speciali, eppure ancora una volta è riuscita a sorprendermi e a creare un romanzo che rimane nel cuore.
Jack è cresciuto a villa Sullivan insieme ad altri ragazzi rimasti orfani, è un uomo bello, misterioso e serio, che si impegna sempre nei propri compiti, che si fa carico delle responsabilità proprie ed altrui e ligio al dovere. La sua vita è nel presente perché il suo passato per lui non esiste, lo ha cancellato insieme ai dolorosi ricordi che portava con sé. Eppure ad un certo punto dovrà fare i conti proprio con ciò che cerca di dimenticare, con misteri, segreti ed una ragazza.  
Andréa ha faticato tanto per arrivare dove è ora, con il lavoro dei suoi sogni ed una vita frenetica e scintillante, piena di eventi importanti e serate nei locali più famosi. Vive indossando una maschera e fingendo che la sua vita vada bene così, o forse ne è davvero convinta. Nulla al mondo le potrebbe strappare dalle mani ciò che ha, se non fosse per uno strano ritrovamento e dei segreti che è decisa a svelare e che la portano a cambiare strada.


“Sospirai e mi strinsi le braccia al petto.
Mi sentivo nuda. Ero struccata, senza scarpe e con un vestito da ragazzina, mentre un uomo imponente mi rigettava addosso l'ovvio, come al solito.
Ed io mi ritrovai ad arrampicarmi sugli specchi per farlo rimanere, come al solito.”


Le strade di Jack ed Andréa sono a questo punto pronte ad intrecciarsi in un viaggio tra passato e presente alla scoperta di misteri, segreti e verità celate che li riporterà dove tutto ha avuto inizio. Due sconosciuti le cui vite scopriranno essere intrecciate e legate molto più di quanto avrebbero creduto. 
Il loro è un  rapporto fatto di alti e bassi e sentimenti contrastanti: all’inizio si odiano, non si sopportano ed ogni occasione è buona per litigare, punzecchiarsi ed offendersi. Entrambi hanno un carattere forte e frizzante ma pagina dopo pagina, momento dopo momento, i due iniziano inevitabilmente ad avvicinarsi ed insieme continuano ad indagare fino a scoprire una verità che riguarda entrambi dove ogni tassello prenderà il suo posto.
In questo romanzo ogni piccolo dettaglio è importante, dai dialoghi alle scene più descrittive e introspettive, perché ogni cosa contribuisce a dare senso alla storia, a disseminare indizi sparsi qua e là fino ad accompagnare il lettore alla resa dei conti.


“Mi avvicinai e la baciai.
Non lo facevo da ieri notte, quella mattina non ne avevo avuto il coraggio, sapendo che sarei partito da lì a poche ore. Ma a quel punto, che senso aveva trattenersi?
Andréa ricambiò il bacio con la mia stessa forza, non era il momento della tenerezza.”


Desiderio, mistero, passione, suspense ed amore si intrecciano perfettamente in tutto il corso del romanzo creando momenti ricchi di pathos, mistero e raccontandoci l’evoluzione di un sentimento che nasce lentamente ed inaspettatamente, che si accende come una piccola fiammella pronta ad illuminare anche le ombre più oscure.  Insieme Jack ed Andréa crescono, maturano, cambiano e diventano persone che non avrebbero mai immaginato di poter essere: perché l’uno riesce a tirare fuori il meglio dell’altro e ad incidere sulla sua vita, perché separati sono incompleti e solo insieme sono loro stessi…solo insieme sono perfetti. Ed allora tanto vale inseguire questo sentimento, mettere in discussione tutta la propria vita, gettarsi nell’ignoto ed iniziare un viaggio sconosciuto insieme, che fa paura certo, ma che guardano con fiducia e certi che li porterà ad una vita felice insieme.   
Non posso fare altro che consigliarvi anche questo quarto romanzo e se non l’avete ancora fatto, vi invito a leggere anche i precedenti perché ognuno di essi, sa lasciare il segno in chi legge. - Ale    



 VALUTAZIONE
 
 
CALENDARIO REVIEW PARTY
 
 

2 commenti:

Buona lettura on 28 dicembre 2018 18:25 ha detto...

Non è tanto il mio genere, però la tua recensione mi ha incuriosito. Magari lo leggerò.

AlessiaM on 31 dicembre 2018 11:49 ha detto...

Grazie mille!! :) Ovviamente i gusti sono personali, però direi che merità una possibilità..prova! <3

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos