venerdì 18 gennaio 2019

REVIEW PARTY: "Figli delle stelle" di Emily Pigozzi - Recensione

Pubblicato da AlessiaM a 09:30:00

Ben trovati! Oggi con la nostra recensione partecipiamo al Review Party organizzato per l'uscita del nuovo romanzo di Emily Pigozzi, intitolato "Figli delle stelle".

TITOLO: Figli delle stelle
AUTORE: Emily Pigozzi
EDITORE: Self publishing
GENERE: Erotico romance contemporaneo
NUMERO PAGINE: 260
DISPONIBILE IN: ebook e cartaceo
AMBIENTAZIONE: Italia - Europa
POV: alternati

TRAMA:
 «Non dirmi che non ti va di giocare.»
«No. Non così. Io…»
Giò fa per divincolarsi. È spaventata, lo vedo dal tremore leggero delle labbra, dal tono della sua voce. E una parte di me grida, vorrebbe sapere che cosa la spaventa tanto, perché ha così paura. Ma un’altra, l’altra parte, impazzisce dal desiderio nel vederla così vulnerabile.
Potrebbe essere chiunque, ma adesso siamo insieme, lontani dal mondo.
E lei è in mio potere. Completamente mia.

Rafael Venturi vive per correre. La velocità è nel suo dna, scritta nelle stelle fin dalla sua nascita. Figlio di un campione del mondo di Formula uno prematuramente scomparso, per lui la vita è una gara, una sfida con i suoi demoni e l’impulso continuo a scattare a trecento all’ora senza voltarsi indietro, fino al traguardo. Finché un brutto incidente in pista lo costringe a rallentare e a mettersi in discussione. E una notte, in fuga, salva un ragazzino che fa l’autostop da un’aggressione. Solo che non si tratta di un ragazzino, ma di una misteriosa ragazza dall’aspetto di elfo e dal piccolo corpo nervoso e sensuale.
Gioia, detta Giò perché come gli confessa con ironia la gioia non la riguarda, e Rafael si avventureranno in un esaltante viaggio on the road alla scoperta delle loro paure, senza regole se non quella di un’attrazione impossibile da dominare.
Ma chi è davvero Giò? Da cosa sta scappando?
E la passione sarà la chiave giusta per vincere davvero?

Ogni viaggio nasconde un segreto. Una vittoria. Un amore da conquistare.



Recensione: Leggere questo romanzo è stato un vero e proprio viaggio, una sfida col destino che gli stessi protagonisti affrontano dopo un incontro inaspettato. Gioia e Rafael si incontrano per caso, entrambi in viaggio o meglio diciamolo, in fuga quasi; entrambi alla ricerca di qualcosa, di risposte o forse di se stessi. Lei che all'apparenza sembra un maschiaccio, con i capelli corti, una felpa consumata addosso e lo sguardo perso e spento, con un passato doloroso e da cui tenta di allontanarsi; Lui anche cerca di passare inosservato, di non farsi notare perché tutti lo conoscono, tutti sanno chi è e cosa gli è successo. Rafael rimane immediatamente incuriosito da lei ed avventatamente decide di darle un passaggio in macchina all'insegna di questo viaggio on the road che condivideranno, attimo dopo attimo. Il tempo scorre velocemente e i due iniziano a conoscersi, scoprirsi e capirsi come mai era successo prima: basta uno sguardo, un gesto e tutto pare avere senso seppur fino a poco prima fossero due sconosciuti. Ci sono cose di sé però che non riescono subito a confidare ma che una volta svelate, riescono a far comprendere al lettore la profondità dei personaggi e il perché del loro modo di agire.
Ciò che si ritrovano a condividere fin da subito però, è una grande passione, un'attrazione che li lega e non possono contrastare: sanno che il tempo a loro disposizione è poco e dunque vogliono viverlo a pieno. E, al tempo stesso, fiducia, rispetto, sincerità, passione ed amore nascono e si costruiranno quasi naturalmente come fossero la cosa più semplice al mondo.


"La notte è un lungo confine nero. Temporali vanno e vengono, ma io non ho paura. Non qui, tra le braccia di Rafael che mi accolgono. Non so quante volte facciamo l’amore. Lui regala un ritmo al nostro piacere entrando e uscendo da me, mentre io lo accolgo ogni volta senza riuscire a smettere."



Entrambi condividono dolore, ferite e cicatrici ma ancora non possono dirsi completi, perché prima di poter andare avanti devono chiudere i conti con il passato. Si sono incontrati, ma forse non nel momento giusto. Forse non sono ancora pronti per custodire e far tesoro di ciò che è nato tra loro. Il destino gli riserverà diverse prove e non sarà sempre rose e fiori: li sfida, tenta di piegarli e spezzarli, li farà anche soffrire ma solo così avranno modo di crescere e maturare. Il loro è un viaggio emozionante, non solo tra luoghi e paesaggi splendidi ma anche tra le emozioni più diverse: insieme ridono, piangono; prima si cercano e poi si allontanano, è amore, dolore, passione e speranza insieme in un groviglio indistricabile. Il romanzo tiene il lettore incollato alle pagine: tra continui alti e bassi, colpi di scena, rivelazioni emozionanti e sentimenti sempre in discussione l'autrice ci lascia conoscere pagina dopo pagina i protagonisti di questa storia che riesce a coinvolgere fin da subito. Leggendo si ha la sensazione di assistere quasi ad un vero e proprio flusso di coscienza, grazie ai POV alternati, che mette in scena perfettamente i pensieri e le emozioni di Rafael e Giò, anche quelli più segreti e profondi, che l'autrice ci racconta in modo semplice ma curato, diretto e senza filtri capace di arrivare con forza a chi legge. 
Una storia che va letta e apprezzata in ogni suo aspetto, nella sua originalità e particolarità a mio avviso e che sono sicura convincerà anche il lettore più scrupoloso! - Ale


VALUTAZIONE

1 commenti:

Buona lettura on 18 gennaio 2019 18:20 ha detto...

Non è tanto il mio genere.

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos