giovedì 17 settembre 2015

Recensione: Maze Runner il Labirinto di James Dashner

Pubblicato da Morena a 20:35:00
Eccomi qui con una nuova recensione, anche questa volta di una trilogia, sto parlando di Maze Runner (il Labirinto) di James Dashner.






Titolo: The maze runner - Il Labirinto (The maze runner #1)
Data di pubblicazione: 28 agosto 2014


Prezzo: 14, 90 €
Pagine: 432




TRAMA: Quando Thomas si sveglia, le porte dell’ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L’unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte.



RECENSIONE: Ho iniziato a leggere  questo libro subito dopo aver visto il film, Maze Runner-il Labirinto uscito  il 18/09/2014  con protagonista Dylan O'Brien.



All'inizio del romanzo, Thomas, il protagonista, si sveglia dentro una specie di ascensore - senza ricordi all'infuori del suo nome - e si trova in una Radura, in mezzo a un sacco di altri ragazzi, tutti maschi. Thomas viene accolto come di consuetudine, perché lì tutti, come si scopre, sono arrivati allo stesso modo. 


"O usciamo adesso o muoriamo provandoci!"



Nella Radura ognuno svolge un lavoro ben preciso. C'è chi si occupa di preparare il cibo, chi degli orti, chi di soccorrere i malati. Si tratta di una vera e propria piccola comunità. Purtroppo però quel luogo non è il paradiso che sembra. Al suo esatto centro c'è un Labirinto grandissimo che sembra non avere soluzione o via d'uscita.

Ogni notte i muri del Labirinto si spostano e gli accessi si chiudono per fare in modo che i mostri che lo abitano, i Dolenti, non escano fuori nella Radura.





Certe volte non si notano le cose, perche' non si crede che possano succedere. 




Thomas rimane subito affascinato dal Labirinto e per qualche strano motivo, nella Radura, al contrario degli altri, si sente subito come a casa. Chi ha messo i ragazzi nella Radura? Perché? Qual è il vero scopo del Labirinto? Quando poi dall'ascensore viene fuori per la prima volta una ragazza, con cui Thomas sente di avere un legame, tutto cambia e per i Radurai inizia una vera e propria corsa contro il tempo.Questo primo romanzo èuna sorta di introduzione che cerca di preparare il lettore a quello che i seguiti gli riservano. Sul finale infatti, ci si trova davanti a un vero e proprio cliffhanger e immancabilmente ancora una volta, le domande sono più delle risposte. 





"Bene. Credo che si possa affermare che la prova del Labirinto è stata completata. Non mi aspettavo così tanti sopravvissuti ma, più sono meglio è. Thomas continua a sorprendermi e meravigliarmi. e per adesso sembra che abbiano abboccato. È troppo presto per dirlo, ma... potrebbero essere la chiave di tutto. Quindi andiamo avanti. Possiamo dare inizio alla fase due. (Paige)"


                                                                                                                    - Mory

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos