martedì 5 dicembre 2017

Recensione: "Una famiglia per Natale" di Jay Northcote

Pubblicato da AlessiaM a 15:38:00
Ben trovati Readers! Oggi vi parlo di un'uscita QLGBT targata Quixote Translations ovvero "Una famiglia per Natale" di Jay Northcote uscito il 28 Novembre! 

TITOLO: Una famiglia per Natale 
TITOLO ORIGINALE: A family for Christmas 
AUTORE: Jay Northcote 
AMBIENTAZIONE: Inghilterra 
TRADUZIONE: Sara Benatti per Quixote Translations 
PAGINE: 177 
GENERE: Contemporaneo
FORMATO: E-book 
PREZZO: € 3,49 su Amazon 
DATA DI USCITA: 28 Novembre 2017
  
TRAMA: Zac non ha mai avuto una famiglia tutta sua, ma Rudy ne ha una così grande da poterla condividere.
Rudy, timido e senza esperienza, ha una cotta per Zac fin dal momento in cui il suo nuovo collega è entrato dalla porta dell’ufficio. Una sera prima di Natale, Rudy trova il coraggio di farsi avanti, e iniziano a legare. Quando scopre che a Natale Zac sarà completamente solo, lo invita a passarlo a casa sua.
Zac preferisce tenere le persone a distanza, eppure quando Rudy gli offre un Natale in famiglia, resistere è impossibile. Lui è orfano, e rimane piacevolmente sorpreso dal modo in cui viene accolto a casa di Rudy. L’unico inconveniente è che tutti danno per scontato che loro siano una coppia. Non volendo deludere la madre di Rudy e trasformare il Natale in una situazione imbarazzante, decidono di non negarlo.
Per Zac non è certo difficile fingersi il fidanzato di Rudy, ma la recita gli fa desiderare cose che lo spaventano… per esempio avere davvero una relazione con lui. Ha già subìto abbastanza rifiuti nella sua vita, e ha paura di mettere a rischio il suo cuore. Se riesce a superarli, e a lasciar entrare Rudy nella sua armatura, per Natale potrebbe ricevere più di quanto avesse mai immaginato.

Recensione: Questo libro si è rivelato una lettura davvero piacevole devo ammetterlo. Ho letto una pagina dopo l'altra e sono arrivata alla fine senza nemmeno accorgermene quindi sicuramente avrei letto anche altre pagine se il romanzo fosse stato un poco più lungo.

I due protagonisti di questa storia sono due ragazzi molto dolci e delicati: Rudy che ha una cotta per Zac fin da quando quest'ultimo è arrivato come nuovo collega nell'ufficio nel quale lavorano; Zac è un ragazzo che all'inizio sembra freddo e distaccato, un po' asociale e che dificcilmente fa conversazione con gli altri.
Rudy però è sempre più curioso verso quel ragazzo e determinato a conoscerlo: così quando in una chiaccherata tra i due scopre che passerà da solo il natale lo invita a casa della sua famiglia, ovviamente solo come amici. 

Per un equivoco però tutti pensano che i due stiano insieme e se all'inizio provano a smentirlo, decidono poi di lasciarglielo credere per non rovinare le loro aspettative. Quella che però inizia come una recita si trasforma poi in realtà quando con il passare dei giorni Zac si lascia conquistare dal calore e dall'affetto della famiglia di Rudy, una famiglia che lui, quale orfano, non ha mai avuto.

La spensieratezza e la generosità di tutti lo conquistano e finalmente si lascerà anche avvicinare da Rudy: non sarà tutto facile però, poichè all'inizio negheranno quanto nato definendo quello che c'è tra loro come una semplice avventura.
Il loro coinvolgimento fisico però porterà anche a quello emotivo: i due si confideranno sul loro passato, impareranno a conoscersi ed apprezzarsi, si metteranno a nudo svelado tutto il loro dolore e sofferenza. E  proprio tutto questo contribuirà a rafforzare quel loro legame che all'inizio era molto flebile e che si solidifica mano mano. Non mancheranno le scene hot tra i due, tenetevi pronti! :)
Zac imparerà a fidarsi dell'altro finalmente e ad aprirsi, sconfiggendo quella sua paura di soffrire nuovamente e abbattendo quel  muro di incertezze e fragilità che si portava dietro. 


"Sapeva nel profondo del cuore che era stato fantastico solo perché si trattava di Zac.
Con Zac perfino del pessimo sesso sarebbe stato bello… perché Rudy si fidava di lui.
Ci teneva a lui.
Mi sto innamorando di lui.
Allontanò quel pensiero e lo baciò di nuovo, preoccupato di quello che avrebbe potuto
uscirgli di bocca se non l’avesse tenuta occupata."



Una storia molto breve, forse troppo devo dire: mi sarebbe piaciuto leggere ancora qualcosa di più dei dure, magari l'evoluzione del loro rapporto che è appena agli inizi e che non è stato mostrato a pieno.
Tutto sommato però vi ripeto, è una bella lettura, semplice e scorrevole con un linguaggio ed uno stile curato.

Che altro dirvi? Posso solo invitarvi a leggerlo! Alla prossima! - Ale

VALUTAZIONE

0 commenti:

Posta un commento

 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos